Chiavetta Usb, guida all’acquisto

Una chiavetta Usb, anche detta pendrive, è un dispositivo molto utile per immagazzinare e portare con noi tutti i dati dei quali necessitiamo. È per la precisione un’unità di memoria esterna rimovibile, da inserire e togliere con estrema versatilità da un dispositivo che si presti ad accoglierla. Il dispositivo in questione può essere un pc, un notebook, un laptop, ma altresì un tablet pc, un televisore (smart tv), un iPod (o dispositivi assimilati).

Così come anche il pannello elettronico di un’auto, per poter fruire magari dell’ascolto di file sonori mentre siamo alla guida. O anche di visioni di filmati, per i pannelli predisposti, nei momenti in cui siamo fermi. Altro utilizzo è quello di collegare la chiavetta Usb direttamente alla stampante, di modo da poter stampare direttamente i file contenuti al suo interno, senza l’intermediazione del computer. Ovviamente, la stampante in questione dovrebbe essere predisposta con l’apposita porta Usb, così da scegliere il materiale di stampa selezionandolo sul piccolo display della stampante.

La chiavetta Usb è il dispositivo che ha sostituito sul mercato un’altra memoria di massa portatile, in uso fino ai primi anni ’00, vale a dire il floppy disk. Su un floppy disk si potevano memorizzare uno o più giochi o programmi, a seconda ovviamente della loro dimensione, ma con la pennetta Usb si è fatto un balzo in avanti, consentendo di disporre di una capacità grande quanto un intero hard disk.

Non è un caso che su una chiavetta Usb per l’archiviazione si possa ospitare il backup di un disco rigido. Il tutto in una portabilità estrema della chiavetta, che può essere infilata in un piccolo taschino. In questa guida ci dedichiamo appunto alle chiavette Usb per l’archiviazione dei dati, anche se vi è da precisare come esistano sul mercato anche altre tipologie di chiavette Usb.

Parliamo, a tal riguardo, delle chiavette Usb per la connessione web. Esse sono contenenti un modulo Wi-Fi per la connessione dei pc che non ne sono dotati. Una categoria di chiavetta Usb particolare è anche quella che consente di inserirsi sia nel pc e altri dispositivi con porta Usb standard, che negli smartphone. Ciò in virtù di un doppio connettore, che rende disponibile la compatibilità ad entrambi i formati di porta.

Il funzionamento di una chiavetta Usb

Per avere le idee chiare su ciò che si sta per acquistare, descriviamo quello che è il funzionamento base della chiavetta pc. Il corpo della chiavetta è dato da un modulo di memoria flash, anche detto chip flash. Poi c’è anche un controller, ed un connettore per l’inserimento nella porta Usb. In diversi modelli vi è incorporata la lucina LED che serve a segnalare l’attività della pennetta, ad esempio nel momento in cui vi sia trasferimento di dati al suo interno.

ma l’attività complessiva si articola tanto nella scrittura dello spazio vuoto, quanto nel trasferimento dai ad un altro dispositivo, quanto nella lettura. Il protocollo Usb Mass Storage è quello che regola la lettura. Grazie a tale protocollo, universalmente accettato, si può effettuare la lettura da pendrive su sistemi dotati di qualunque sistema operativo.

Quanto allo standard Usb, la denominazione sta per Universal Serial Bus, ossia un bus seriale universale. Quest’ultimo, il bus, è un canale volto allo scambio di dati, uno standard creato negli anni ’90, capace di far comunicare tra loro computer e periferiche. Dal primo standard Usb si è passato a standard successivi, il tutto a vantaggio della velocità nel trasferimento dati.

Velocità che si riflette anche, chiaramente, nelle pennette Usb. Gli standard 2.0 e 3.0 sono quelli più diffusi, ma si trovano anche standard Usb 3.2. E è stato ideato, anche se allo stato attuale è poco reperibile sul mercato, lo standard 4.0. In ogni caso, ci sono dispositivi che contemplano la compatibilità rispetto a diversi standard. In parole povere, nella scelta della nostra chiavetta Usb non dovremmo avere problemi di sorta.

Lo standard 2.0, sebbene dovrebbe essere ormai superato, afferma sempre la propria valenza sul mercato attuale. Si pensi ad una chiavetta Usb che dovrebbe consentire il trasferimento dati rispetto ad un pc che non sia proprio dell’ultima generazione, in termini di hardware. Non solo, ma spesso anche i pc di ultima generazione presentano standard Usb 2.0, in accompagnamento a standard di più recente ideazione. Ciò perché ci si vuole assicurare la compatibilità con vari tipologie di chiavette.

La tipologia di chiavetta Usb distinta per connettore

Un’importante distinzione, per la chiavetta Usb che si andrà ad acquistare, riguarda il suo connettore. Possiamo avere un connettore standard, nella categoria A, B, oppure C. Ma possiamo anche avere un micro-connettore, o mini-connettore. Andiamo con ordine, così da poterci regolare in base alle nostre esigenze. Il connettore A è piatto e sottile, e detiene una forma rettangolare. Lo standard A per i connettori delle chiavette Usb, corrisponde a quello più diffuso.

Lo standard di tipo C è meno diffuso, ma è quello di cui sono dotati i dispositivi di ultima generazione. Una pennetta con questo connettore è anche bidirezionale, ossia si può usare per pc (o dispositivi assimilati) e smartphone. Vi sono poi i micro-connettori, che in dotazione alle chiavette Usb, ne consentono l’utilizzo per i soli smartphone (sia Android che di produzione Apple, quindi iPhone). Il connettore B è di tipo intermedio, e consente di collegare il dispositivo Usb ad un cavo Usb.

Scegliere la capacità di una chiavetta Usb

La scelta della capacità è importante, poiché la stessa si pone direttamente in linea con i nostri obiettivi, sul piano quantitativo. La chiavetta Usb ci servirà per immagazzinare, o trasferire da un dispositivo ad un altro, quale quantità di dati? Oggi le pen drive si trovano da 2 GB di dimensione minima, fino addirittura ad 1 TB.

Con la capienza si estende anche il livello di professionalità della pennetta. Nel senso che una chiavetta Usb da 2 GB non potrà che essere per scopo amatoriale, o comunque per applicazioni professionali di scarso peso in termini di dati (ad esempio l’esigenza relativa al trasferimento di documenti, in quanto tali molto leggeri). Mentre una chiavetta da 1 TB servirà per applicazioni professionali, o anche per il trasferimento di file videoludici piuttosto pesanti.

Questo per considerare i due estremi di capienza, e fornire per tale via un’idea. Per disporre di un’idea ancora più precisa, un’uso amatoriale potrebbe avere ad oggetto il trasferimento di foto, o immagini, o ancora dei file sonori. Ognuno di questi file, grafici o sonori, arrivano a pesare in media pochi mb, solitamente sui 4 mb. Ci riferiamo ad una foto di dimensioni medie, o ad un file della lunghezza di una singola canzone. Per le applicazioni professionali, volte al trasferimento dei file mastodontici che trattano, una chiavetta Usb da 1 TB sarà il top. Ma ci sono anche prodotti intermedi.

Un esempio è dato da una chiavetta apposita per i videoamatori e i cineamatori. Volendo memorizzare un film in HD su tale supporto, dovremo tener presente che la dimensione che esso occuperà sarà in media di 15 GB. Dovremo anche considerare la frequenza di trasferimento dei file all’interno della chiavetta, e quindi la frequenza di riscrittura per la quale si desideri optare.

Nel caso dei film, sarà determinante utilizzare il supporto per un’archiviazione abbastanza stabile, e quindi per raccogliervi delle collezioni, oppure se i film verranno trasferiti nel breve arco di tempo. In ognuna di queste ipotesi, vista la dimensione del singolo file, si dovrà sempre optare per un prodotto che vada al di là della semplice pen drive ad uso amatoriale.

Si rivela conveniente sapersi regolare da questo punto di vista, dato che più una chiavetta è professionale, più costerà, mentre le chiavette amatoriali hanno sempre un prezzo minimo, alla portata di ogni tasca. Si eviterà, al più, di acquistare una chiavetta Usb che non si sfrutterà mai per il suo potenziale, ed evitando altresì di compiere una spesa superflua. Diversamente, meglio effettuare una spesa che serva, una tantum, e disporre di un dispositivo performante in relazione all’uso che si desidera perseguire.

Altre caratteristiche delle quali tener conto

Un fattore che si aggiunge agli altri è il design della chiavetta, come essa si presenta. Il che si riflette non sull’estetica, ma sull’utilizzo in concreto del device. La chiavetta Usb, infatti, dovrà essere selezionata a seconda degli spazi interposti tra una porta Usb sul pc o altro dispositivo, e un’altra. Tenendo conto di ciò, scarteremo una chiavetta voluminosa, con una conformazione che non sia piatta, perché diverrebbe poi inutilizzabile dal nostro dispositivo, in caso di spazi stretti.

Diversamente, si potrà anche abbondare. Altro fattore chiave nella scelta si rivela la presenza o meno di un’apposito involucro di copertura, elemento rientrante sempre nell’ambito del design. Un’involucro del genere consente di proteggere la chiavetta Usb dagli urti, ma anche dagli agenti esterni, magari nel corso del trasporto da casa al luogo di lavoro o viceversa.

Le caratteristiche fin qui espresse costituiranno la base per poter procedere con una spesa consapevole. E ciò è necessario, in presenza di un mercato che prevede un’ampia varietà di modelli, con chiavette Usb di tante dimensioni, forme, e altre caratteristiche diverse, come lo standard di compatibilità e la presenza di protezioni. Oltre, chiaramente, alla capienza e alla velocità di trasferimento dei dati (quest’ultima una qualità connessa direttamente allo standard Usb in uso). Iniziamo quindi col passare in rassegna delle proposte dei vari produttori, rilevando degli esempi di quelle che possono essere le più promettenti, in relazione a varie esigenze e vari utilizzi.

La scelta di una chiavetta Usb amatoriale

Qualora si voglia optare per una chiavetta Usb per finalità amatoriali, una scelta veramente ottima potrebbe consistere nella Chiavetta USB 2.0 64GB, Pen Drive del marchio FISTAD. È una chiavetta con standard Usb 2.0. Non troverà difficoltà in materia di compatibilità con i dispositivi, per via delle ragioni in precedenza esposte. Infatti, i dispositivi presenti sul mercato sono ancora tutti retro-compatibili con questo protocollo.

Non sarà il top per velocità di trasferimento dati, ma ha una capienza di ben 64 GB, molto alta per essere una pen drive amatoriale. Le dimensioni sono tascabili, e grazie al progetto di foro si può anche appendere dove fa più comodo. È dotata di un cappuccio trasparente di protezione, e funziona come periferica plug-and-play, senza che sia necessario alcun software.

La chiavetta Usb qui presentata è compatibile con tutti i dispositivi che presentano la porta Usb 2.0, che si tratti di pc, laptop e altri device. In merito ai sistemi operativi, viene riconosciuta a partire da Windows 2000 in poi, per i sistemi Microsoft. Compatibile anche per un uso con Linux e MacOS. Presente anche la lucina LED che indica quando la chiavetta Usb sta svolgendo le proprie funzioni.

La scelta di una chiavetta Usb di media capacità

A metà strada fra il dispositivo amatoriale e quello professionale, troviamo questa chiavetta Usb KEXIN 256GB. Qui lo standard Usb è 3.2, tra i migliori attualmente disponibili per velocità di trasferimento dati. Il suo uso è compatibile con pc, per lo standard 3.0, ed inoltre con dispositivi mobili quali smartphone e tablet, purché dotati dell’interfaccia di tipo C. Parliamo di modelli Samsung/Huawei/Honor/Xiaomi/OnePlus, per citare degli esempi.

Le ragioni della suddetta compatibilità, così configurata, è da attribuirsi al connettore Usb 3.0 su un versante, e il connettore di tipo C reversibile, sull’altro. Si potrà così trasferire dei dati in massa fra dispositivi diversi, e in poco tempo. Si pensi, sotto il piano della velocità, che questa chiavetta scrive fino a 18-45 MB/s. Quanto alla velocità di lettura, arriva fra 60-120 MB/s. Il dispositivo è ottimo anche per liberare spazio sullo smartphone, e salvare quei dati da un’altra parte. Il tutto con un contributo di spazio non indifferente, ben 256 GB.

Vi sarebbe solamente da tenere in conto che non tutto lo spazio è utilizzabile, perché una parte è destinata alla formattazione. Abbiamo qui un’unità flash USB OTG da 256 GB, sfruttabile comunque per una capienza fra 230 e 240 GB. Se valutiamo anche il suo prezzo, attualmente pari a 23,99 euro su Amazon, andremo incontro certamente ad un ottimo affare.

La scelta di una chiavetta Usb professionale

Una scelta rientrante nel campo professionale può essere la chiavetta Usb Verbatim 49429 Unità Flash USB 128 GB. Sebbene la capacità non sia delle più elevate per essere qualificata come professionale, vi sono ad ogni modo altri fattori che consentono d’identificarla in questa categoria. La chiavetta Verbatim considerata, ha addirittura una tastiera incorporata per l’immissione delle password, oltre ad altre funzioni avanzate sempre in tema di crittografia.

Molto avanzata sul versante sicurezza, il che la qualifica come professionale, ha un’innovativa crittografia hardware AES a 256 bit. . Trattasi di un sistema crittografico al 100% che cancella anche i dati dopo diversi tentativi d’inserimento della password non corretti. Il prodotto si qualifica come l’ideale per disporre di una vera e propria cassaforte tascabile dai contenuti digitali, davvero il top in materia di sicurezza, qualora si vogliano tenere al sicuro preziose informazioni lavorative o in altri ambiti, da sguardi indiscreti.

La chiavetta Usb Verbatim appena descritta ha un prezzo al di sopra di euro 100. Al momento, è in offerta su Amazon al prezzo di 78,41 euro, a fronte di un prezzo di listino pari a 105,99 euro sullo stesso sito. Ancora in tema di chiavette Usb professionali, per puntare su molto spazio, potremmo scegliere un prodotto come la iDiskk Memoria fotografica certificata MFI da 1 TB. Si tratta di una chiavetta pluri-compatibile, grazie a 4 diversi connettori, uno per ogni estremità.

Il connettore Usb 3.0 è per pc ed iMac, quello di tipo C è per i Macbook Pro e per altri dispositivi di tipo C (come ad esempio l’iPad Pro, avvalendosi della relativa porta). Vi è poi il connettore flash per dispositivi iOS, e infine il micro Usb per le fotocamere e per gli smartphone Android. Possibile il trasferimento extra-rapido di dati tra pc, iPad, iPhone e tanto altro ancora. Con un semplice gesto si collega la chiavetta da un altro connettore, e ad un altro dispositivo e il gioco è fatto.

Lo spazio interno, pari ad 1 TB è tale da liberare rapidamente, con il connettore flash, la memoria di un dispositivo per metterla al sicuro su un altro device. La fattura è di estrema qualità, in materiali metallici che ne consentono la resistenza e durabilità nel tempo, con caratteristiche antiurto. I connettori sono protetti con cappucci trasparenti. Supporta la crittografia Touch ID/Passcode, e consente d’impostare una password anche per singolo file.

Predisposto altresì il backup automatico e diretto di foto e video. Si può collegare l’unità flash ad un dispositivo iOS per la fruizione diretta, su quest’ultimo, di film o musica. La stragrande maggioranza si formati dei file sono supportati allo scopo.

Per altri articoli a tema segui questa breve lista:

Articoli Correlati

Scelta del dissipatore CPU

Tablet 2024: guida all’acquisto

La rivoluzione nel settore delle tastiere pc: la Flux Keyboard