Recensione: SOUIDMY G-310W

Recensione: SOUIDMY G-310W

Nel canale Symphonic Musical Soul abbiamo pubblicato già due video dedicati al nuovo pianoforte SOUIDMY G-310W.

71622uNMBNL. AC SL1500

In questo pianoforte elettronico (o elettrico, fate voi!), ovvero digitale, troviamo un ottimo campionamento tratto da uno Steinway. La Steinway produce alcuni dei migliori pianoforti al mondo.

Visto che nella mia Tyros5 da 76 tasti ho a disposizione un paio di pianoforti Steinway, spero in un futuro video di presentare i confronti. Intanto soffermiamoci su questo gioiello musicale.

La prima cosa che sorprende è il Bundle, ovvero il contenuto della scatola. Oltre al pianoforte e il relativo leggio (da applicare sopra), troviamo la borsa per il trasporto e un pedale. Naturalmente sono presenti anche il manuale e l’alimentatore.

7

Spendiamo qualche parola sul manuale. È in inglese e potrebbe far storcere il naso a chi non è pratico di questa lingua. Possiamo dire, però, che è stato strutturato in modo da individuare facilmente le funzioni principali. Infatti, basterà cercare nel testo le parole scritte con le maiuscole per capire quali sono i comandi digitali da impartire al piano. Spesso troviamo la lettera S accompagnata da un numero: indica quanti secondi vada premuto un determinato tasto per attivare o disattivare una certa funzione.

Sulla destra del piano troviamo il tasto ON/OFF. Premuto velocemente, il piano si accende; tenuto premuto 2 secondi, si spegne. Sembrerà scontato, ma il manuale suggerisce di spegnerlo se, specialmente le prime volte, ci dovessimo perdere nelle sue funzioni. In questo modo il piano si resetterà e, in meno di 5 secondi tornerà operativo!

Il piano mette a disposizione una piccola memoria interna, in cui memorizzare fino a 4 impostazioni da richiamare rapidamente.

Leggi anche  Sanremo Story - il 2000

Il piano è compatto. Pertanto, tutte le funzioni sono richiamate da tasti funzione posizionati alle estremità anteriori destra e sinistra. Anche il display si trova a una delle due estremità (quella sinistra). Per chi è abituato a suonare tastiere con display posizionati al centro, potrebbe essere scomodo. D’altronde, però, non si tratta di un Arranger né di un Synth professionale che spinge il musicista a togliere le dita dai tasti bianchi e neri per “giocare” con i tasti di funzionamento. Pertanto, basterà scegliere l’impostazione che serve e poi concentrarsi sul suonare, senza altre preoccupazioni.

Ma è corretto scrivere che “non si tratta di un Arranger”? In effetti, sono presenti ben 100 ritmi (styles). Molti di questi si nota che sono stati recuperati da tastiere Arranger degli anni ’90. Abbiamo riconosciuto alcuni ritmi della storica Yamaha PSR-400 (la cui uscita risale a circa 30 anni fa!). I suoni e ritmi di quella tastiera furono utilizzati addirittura nel mondo videoludico!

Per ogni ritmo del G-310W troviamo sia una variante che un Fill-In (variazione di una sola battuta). Non mancano, inoltre, un Intro e un Ending per ciascun ritmo.

Gli accordi sono riconosciuti dalle prime tre ottave di sinistra. Comunque, si può modificare lo Split a proprio piacimento.

Visto che lo spazio per i tasti funzione sono pochi, troviamo lo Split e altri comandi direttamente lungo la tastiera. Ogni funzione è richiamabile in modo intuitivo grazie alle sigle stampate sullo chassis del piano. Basterà selezionare la funzione base dai tasti sotto il display, premere COMB e poi il tasto bianco corretto (che diventerà un tasto “virtuale”).

Leggi anche  DUDIOS True Wireless Earbuds V5.0

Che dire della qualità dei suoni? Il pianoforte è perfetto. Per suonarlo, inoltre, siamo facilitati dai tasti pesati che emulano i tasti di un pianoforte “analogico” in legno. Ogni tasto è “multilevel”, cioè può essere premuto con forza diversa (sono presenti 8 livelli di forza). Inoltre, il suono del piano è stato campionato stereofonicamente: i suoni più gravi sono enfatizzati a sinistra, mentre quelli più acuti a destra. Infine, la polifonia è di 128 note.

Che dire, però, della qualità degli altri suoni? È stato utilizzato quello che il manuale definisce French DREAM. Si tratta di 128 voci di qualità base, simili a quelli di tastiere degli anni ’90. Nessuno, dunque, si aspetti suoni realistici.

Le voci sono 128 come il General MIDI comanda. Per un nuovo studente di pianoforte vanno benissimo. Potrà concentrarsi sul pianoforte e, perché no, potrà iniziare a studiare la programmazione MIDI. In un secondo tempo potrà valutare l’acquisto di una tastiera più costosa e professionale.

Comunque, grazie alle porte MIDI, il piano può essere collegato a una tastiera più piccola (per esempio da 25/37/61/76 tasti) i cui tasti potrebbero essere semi-pesati (o peggio). In questo modo si potrà sfruttare l’ottima qualità dei tasti pesati del G-310W unità a quella dei suoni di una tastiera Pro. Speriamo in un futuro video di mostrare come fare il collegamento MIDI.

Sul piano MIDI il G-310W si può collegare a un PC/Mac tramite cavo USB. Inoltre, supporta il Bluetooth-MIDI. È quindi possibile fare una connessione senza filo anche con un dispositivo mobile.

Leggi anche  Sanremo Story: 2011
IL TUO PIANOFORTE

Nella memoria del G-310W troviamo anche 60 demo musicali appartenenti a tutte le epoche.

Nella scatola, dicevamo, troviamo anche un pedale. Questo pedale utilizza un collegamento simile al MIDI. Pertanto, non sarà possibile collegare al G-310W un pedale con spinotto a Jack. Comunque, alla porta del pedale è possibile collegare una pedaliera a tre pedali, per emulare alla perfezione i tre pedali di un pianoforte vero.

Nel retro del piano, sono presenti anche un ingresso e un’uscita stereofonica a Jack unico. Questo permetterà di collegare lo strumento ad altri dispositivi con ingressi e uscite audio analogici.

image 4

Davanti, sotto il tasto ON/OFF troviamo altre due uscite stereofoniche a Jack unico. In questo caso, però, si tratta di due uscite per cuffie: perfette per un insegnante di musica e il suo studente. Potranno studiare senza disturbare, e la concentrazione di entrambi migliorerà.

La borsa inclusa nella scatola è davvero utile. Infatti, permetterà di trasportare il SOUIDMY G-310W in modo semplice. Lo strumento pesa quasi 15 kg. La borsa può essere trasportata tramite la maniglia laterale oppure a tracolla. Per farlo, però, ricordatevi di essere abbasta alti (il piano è lungo 1,35 cm) e forzuti!

Di seguito trovate i video che abbiamo già realizzato. Iscrivetevi al canale Symphonic Musical Soul per guardare i video musicali che escono tutti i giorni.

Unboxing SOUIDMY G-310W
Primi test e confronti

IL SOUIDMY G-310W si può acquistare su Amazon al prezzo di circa 300 €.

Giovanni Correddu

Giovanni Correddu

Giovanni Correddu è un artista a 360°. Iniziò a scrivere musica da bambino, e non ha mai smesso. Lavora con i computer ancora da prima. Il suo primo contatto è avvenuto all’età di 3 anni, passando per il Commodore 64 e il mondo MS-Dos/Windows. Oggi è un copywriter e uno YouTube grazie ai canali dedicati alla musica, all’Hi-Tech e ai videogiochi. È presente anche in alcuni store con le sue App.