Guadagnare videogiocando: si può?

Guadagnare videogiocando: si può?

Una ragazza ha appena finito il suo pranzo. Si avvicina alla cassa, e si accorge che il portafogli è vuoto. Il ristorante accetta pagamento tramite carta di credito e tramite PayPal. La ragazza decide di inviare il denaro tramite PayPal, ma il conto è vuoto! Dovrà lavare i piatti del ristorante prima di uscire?

Guadagnare videogiocando: si può?

Esiste una soluzione. La ragazza chiede al cassiere di attendere meno di un minuto. Apre un puzzle game, risolve il puzzle, riceve un migliaio di Euro nel suo conto PayPal e paga. Il cassiere la guarda a bocca aperta.

Questa è la “trama” di alcuni video che stanno circolando da almeno un anno. Questi video compaiono di solito nei dispositivi mobili mentre utilizziamo alcune App gratuite. Ma esistono davvero App che ti pagano, regalandoti migliaia di Euro?

Per parafrasare le parole dell’antico re Salomone, ‘non c’è fine alle tante App che si possono sviluppare, ma dedicarsi a esse è faticoso’ per il portafoglio e il tempo (Ecclesiaste 12:12). In altre parole, le App esistono, e sono parecchie. Ma raramente ti fanno ricevere quello che promettono. Sono tarate per bloccarti e bloccarsi quando stai per raggiungere l’obiettivo.

Per esempio, alcuni giochi promettono di regalarti 1.000 dollari (non Euro), riscattabili su un conto PayPal oppure come buoni Amazon o eBay. Quando raggiungerete il 97-99% vedrete che la cifra non aumenterà più. In alcuni casi, addirittura certi oggetti di gioco che prima vi avevano fatto “guadagnare” grosse cifre non compaiono più.

Nei commenti si leggono frasi forti, che accusano lo sviluppatore di essere un truffatore. Non sta a noi giudicare dal punto di vista giuridico. Ma qualcuno riesce a guadagnare qualcosa?

Riflettete: questi giochi prevedono che compaiano pubblicità ogni 30-60 secondi oppure quando si chiude un livello. Lo sviluppatore è pagato dalla pubblicità. È vero che ogni pubblicità fa guadagnare pochi centesimi ma, quando l’App è utilizzata da migliaia di persone, quei centesimi diventano cifre notevoli. Peccato, però, che lo sviluppatore tenga per sé tutto il denaro guadagnato.

App che ti pagano davvero

Nonostante quanto indicato sopra, siamo felici di comunicarvi che abbiamo trovato uno sviluppatore che ti paga se usi le sue App. Si tratta di Bling. Il suo pagamento avviene in Bitcoin in modo immediato. Inoltre, se riscontri problemi con le sue App, ti offre un’assistenza rapida.

Ma quanto ti paga? Abbiamo appena scritto la parola “Bitcoin”. Considerando che un Bitcoin può valere 40-50 mila Euro, Bling ti offre una cifra del genere? In realtà, quando fai una partita con uno dei suoi giochi, ti paga qualche milionesimo di Bitcoin. Dopo pochi mesi, quindi, forse avrai guadagnato pochi Euro, ma il denaro sarà davvero riscattabile!

Come si riscatta il denaro guadagnato? Innanzi tutto, tutte le App basate sulla piattaforma di Bling (quindi anche quelle di altri sviluppatori), accedono al tuo account Android. Pertanto, guadagnerai da più titoli e, se vuoi, anche da più dispositivi.

Guadagnare videogiocando: si può?
Ho guadagnato 908912 Bling Points, cioè 0.00000909 Bitcoin (0,30 €)

Quando deciderai di riscattare il tuo guadagno, cerca una voce del tipo: “CRASH OUT”. Sarai reindirizzato a Coinbase, che ti permetterà di gestire il tuo guadagno, nonché qualsiasi altra moneta virtuale.

Non solo Mobile

Esiste un altro metodo per guadagnare videogiocando: fare il beta tester per Game Tester. Testerete videogiochi in fase di sviluppo. Ogni test, in media, è pagato circa 1 € (tramite una sorta di moneta virtuale proprietaria basata su punteggio, la GTGold). Al raggiungimento della soglia di un punteggio equivalente a 25 dollari, potrete riscattare la vostra paga. Di tanto in tanto, potrebbe essere aggiunto un pagamento in Bitcoin o in Etherium (si tratterà sempre di una cifra piccola, che potrebbe andare da mezzo dollaro a circa 5 dollari).

Per iscrivervi, utilizzate questo link. Dovreste ricevere un bonus di benvenuto.

Lascia un commento