Come alleggerire il sistema operativo Windows 10

Tempo di lettura: 2 minuti

Sistema appesantito? Poco spazio disponibile? Continui messaggi di errore in avvio? Vediamo alcuni passaggi per alleggerire ed ottimizzare Windows 10.

Liberiamo un po’ di spazio

Il primo step per un sistema veloce e reattivo è sicuramente avere una buona quantità di spazio disponibile nel disco ove è installato il sistema.

Abbiamo dedicato già un articolo per comprendere cosa occupa tanto spazio su disco, abbiamo visto anche come impostare Windows in modo che liberi in automatico lo spazio occupato da file temporanei e simili oltre ai metodi per liberare spazio dopo un aggiornamento ad un feature update in Windows 10, abbiamo anche esaminato come pulire in modo efficace ed approfondito il disco senza ricorrere a strumenti esterni.

Ora vediamo invece come è possibile liberare lo spazio eliminando quei file inerenti aggiornamenti eseguiti nel sistema.

ps. è possibile anche eseguire una pulizia della directory di installazione in Windows 10, ma è un operazione da eseguire solo in casi estremi e, comunque, eseguire un backup della cartella prima della pulizia.

E’ opportuno mantenere un atteggiamento prudente quando si va a pulire la cartella C:\Windows\WinSxS, infatti in questa cartella vi sono tantissimi file utili al sistema come ad esempio quelli relativi agli aggiornamenti installati, alle funzionalità abilitate nel sistema e molti altri file.

Il sistema esegue già una ottimizzazione automatica di questa cartella, andando ad eliminare ogni 30 giorni i file non più necessari o obsoleti, cosa confermata dall’operazione pianificata già presente da Windows 8.

Per avviare manualmente questa operazione pianificata procedere così:

  • Premere i pulsanti WIN + X
  • aprire il powershell come amministratore
  • ora digitare
 schtasks.exe /Run /TN "\Microsoft\Windows\Servicing\StartComponentCleanup" 

Attendere il completamento del task, potrà richiedere fino ad un ora di tempo.

Leggi  Bitdefender Internet Security gratis per 6 mesi!

Se invece vogliamo eliminare i file obsoleti senza aspettare la soglia dei 30 giorni, digitare quanto segue sempre da un prompt dei comandi o powershell come amministratore:

 Dism.exe /online /Cleanup-Image /StartComponentCleanup
Pulizia dei componenti iniziata
Pulizia dei componenti iniziata

Non consigliamo l’utilizzo dei suffissi /resetbase o /SPSuperseded in quanto sono da utilizzare solo in casi di estrema necessità, eseguendoli non sarà possibile rimuovere gli aggiornamenti installati o le funzionalità aggiunte. Nei Microsoft Docs sono disponibili ulteriori informazioni in merito.

Puliamo l’avvio e ripristiniamo i servizi

Un altro importante step è quello di dare una pulita all’avvio di sistema, infatti applicazioni o servizi corrotti possono rallentare moltissimo le normali operazioni di login in Windows 10.

Ripristinare i servizi di Windows alle impostazioni predefinite può anche essere utile, soprattutto in caso di malfunzionamenti o problemi di alcune funzionalità di sistema.

Assicuriamoci quindi che il sistema operativo sia esente da infezioni virali da parte di malware o simili, a questo riguardo è opportuno configurare Windows Defender affinchè offra la protezione al più alto livello disponibile.

Elvis
Seguimi
(Visited 648 times, 1 visits today)

Elvis

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!