FIX: Opzioni avanzate di ripristino scomparse in Windows 10

Tempo di lettura: < 1 minuto

Abbiamo un problema in Windows 10, non riusciamo ad accedere al sistema operativo ma solo alle opzioni avanzate: averle o meno può risultare veramente importante! Certo, è possibile usare anche supporti ottici o chiavette ma è sicuramente molto più comodo usare gli strumenti preinstallati.

Vediamo come verificare lo stato dell’ambiente di ripristino e come abilitarlo in caso di scomparsa dello stesso.

Come verificare lo stato

L’ambiente di ripristino risiede, solitamente, in una piccola partizione riservata dal sistema in fase d’installazione e permette di accedere agli strumenti di ripristino in Windows 10.

Per verificare lo stato attuale dell’ambiente bisogna procedere così:

Premere i pulsanti WIN + X , aprire il prompt dei comandi (o powershell) come amministratore > quindi digitare

 reagentc.exe /info 

Ora, in casi normali, dovremmo vedere la dicitura Enabled, come da immagine.

Ambiente abilitato
Ambiente abilitato

Se invece vediamo la scritta Disabled, vuol dire che dobbiamo abilitarlo, ecco come.

Come abilitare l’ambiente di ripristino

Per abilitare l’ambiente procedere come segue:

Premere i pulsanti WIN + X , aprire il prompt dei comandi (o powershell) come amministratore > quindi digitare

reagentc /enable

Ecco fatto, ora l’ambiente di ripristino ospiterà anche le opzioni avanzate. In caso di problemi vuol dire che la partizione di recovery non esiste o è corrotta, in quel caso bisogna procedere con la sua creazione o correzione (lo vedremo in un prossimo articolo).

Elvis
Seguimi
(Visited 169 times, 1 visits today)
Leggi  Come collegare/scollegare un account Microsoft da Onedrive

Elvis

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!