Malwertising: un altro caso nel weekend

Ne abbiamo già parlato in questo blog, ovvero dei casi di veicolazione dei malware tramite campagne di advertising (pubblicità) infette, in questi due articoli:

Nuovo ransomware in azione tramite campagna SPAM
Campagna di advertising infetta nelle ultime 24h

20012126753 a7af44d995 o

Nuovamente quindi si ritorna a parlare di questo problema: nel weekend il sito piratebay, nota piattaforma di condivisione torrent, è stata vittima di questa tecnica: i banner malevoli, stavolta, reindirizzavano l’utente all’installazione del ransomware Cerberus, il quale crittava tutti i dati presenti nel disco. Anche in questo caso, tornano utili alcuni strumenti come ad esempio:

  • un buon software antivirus con controllo in tempo reale, che ferma l’exploit
  • componenti aggiuntivi come adblock o noscript che, se opportunamente configurati, possono eliminare alla sorgente problemi come questi
Altri suggerimenti utili potete trovarli in questo articolo
Alvise C.

Alvise C.

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue. Per info: [email protected]

Lascia un commento