Ransomware

Comune di Palermo Sotto Attacco Ransomware il 3 Giugno

E’ notizia recente che il comune di Palermo ha spento cautelativamente tutti i sistemi informatici nel giorno del 2 giugno, proprio intervenire dopo un attacco informatico. Vediamo cosa è successo.

No attacco DDOS ma attacco Ransomware

Inizialmente si pensava ad un attacco DDOS ma dopo le prime analisi si è escluso del tutto questa linea. Dalle ore 6 del 2 giugno è stato messo off-line il sito istituzionale del comune, la centrale operativa della polizia municipale ed il sistema della videosorveglianza.

Paolo Petralia Camassa, l’assessore del comune che segue la parte tecnologica, ha fatto spegnere ed isolare la rete per individuare la causa del problema ed iniziare il ripristino dei servizi. Per questo motivo i servizi come il sito istituzionali erano offline, proprio perché non in grado di erogare comunque alcun servizio.

Ora il grosso del lavoro lo farà la SISPI insieme con la Polizia Postale per verificare la situazione e ripristinare i servizi, i quali risultano ancora off-line.

Related Post

Attualmente è ancora impossibile gestire la ZTL, servizi anagrafici, culturali ma anche la sorveglianza delle videocamere cittadine.

Viste le vicine elezioni il lavoro di ripristino dovrà esser certamente rapido oltre a far luce se e quanti dati siano stati trafugati in questo attacco.

Approfondimenti: GdSCyber360

L'ultima modifica eseguita il Giugno 7, 2022 8:01 pm

Alvise C.

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue. Per info: alvise.c@angolodiwindows.com

Disqus Comments Loading...
Pubblicato da: