Bug in Windows 10 2004 dimentica ultime ottimizzazioni mettendo la vita degli SSD a rischio

Tempo di lettura: < 1 minuto

E’ stato individuato un nuovo bug nell’utilità di deframmentazione ed ottimizzazione disco in Windows 10 versione 2004. Vediamo di cosa si tratta.

Dimentica le ultime ottimizzazioni

E’ noto che le unità SSD non necessitano di deframmentazione, possono richiedere però di eseguire il TRIM dell’unità, in modo da assicurarne le prestazioni.

Il TRIM permette di comunicare al disco quali sono i blocchi non più utili, in modo da permettere al sistema di liberare queste celle per offrire maggiori prestazioni e capienza all’utente.

Sembra che con l’aggiornamento 2004 di Windows 10 lo strumento di ottimizzazione non ricordi più quando è stata eseguita l’ultima ottimizzazione, questo quindi può causare l’esecuzione di molteplici ottimizzazioni che alla lunga ridurrebbero la vita del disco allo stato solido.

Infatti aprendo l’utilità Deframmenta e ottimizza unità si nota che risulta presente la dicitura “Ottimizzazione necessaria“.

Microsoft è al corrente del problema ed ha rilasciato un fix nel programma insider, nella build 19551.

Come risolvere

Ottimizzazione necessaria?
Ottimizzazione necessaria?

La soluzione, al momento, è escludere le unità SSD dai processi di ottimizzazione automatica seguendo questa procedura:

  • Da start digitare e cercare la funzionalità Deframmenta e ottimizza unità
  • Aprire la voce Modifica impostazioni
  • Ora sotto Pianificazione ottimizzazione cliccare su Scegli
  • togliere la spunta dalle unità SSD del sistema
Elvis
Seguimi
(Visited 149 times, 1 visits today)
Leggi  FIX: Come risolvere i problemi nel nuovo MS Edge

Elvis

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!