Famosa app Facebook esponeva i dati di 120 milioni di utenti

Famosa app Facebook esponeva i dati di 120 milioni di utenti

Forse bisognava aspettarselo: si perché in questa epoca di social network e simili, non badiamo molto a che quiz facciamo su Facebook e a che autorizzazioni diamo a questo tipo di app. 

E’ il caso del famoso servizio nametest.com, disponibile anche in lingua italiana: non lo conoscete? E’ un app che analizzando il profilo dell’utente risponde a domande come “Quale principessa Disney sei?” oppure “Scopri chi ti ama”  o cose del genere. 

Un ricercatore indipendente ha individuato che il sito web che sta dietro al servizio non gestisce correttamente i dati dell’utente, i quali potevan esser intercettati facilmente da altri siti web  aperti nella stessa finestra del browser. 

Leggi anche  Come attivare Windows Defender Application Guard in MS Edge

Come indicato dal ricercatore i dati inseriti potevan essere recuperati tramite un file di javascript liberamente accessibile tramite il browser! 

Di seguito riportiamo il video pubblicato dal ricercatore in merito la questione:

La vulnerabilità risulta ora corretta, come confermato dalla stessa società che sta dietro al servizio, ovvero la tedesca Social Sweethearts

Sicuramente da adesso in poi Facebook manterrà alta l’attenzione a questo tipo di argomenti, visti i problemi sofferti negli ultimi mesi. Prestiamo quindi attenzione a che dati accedono le app che usiamo nei social network. 

Fonte ed approfondimento: medium.com

Alvise C.

Alvise C.

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue. Per info: [email protected]

Lascia un commento