Nuova vulnerabilità scoperta nei modem router Netgear: aggiornate subito!

Tempo di lettura: < 1 minuto
Il ricercatore Simon Kenin dei laboratori di ricerca Trustwave Spiderlabs ha trovato una nuova vulnerabilità (NVD – Detail), che permetterebbe, tramite l’accesso remoto, di sfruttare una vulnerabilità per avere accesso come amministratore.
Ufficialmente Netgear comunica che la gestione del router da remoto è disabilitata di default nei suoi dispositivi, cosa con cui il ricercatore non si trova d’accordo: infatti, secondo il ricercatore, ci sono a migliaia, se non un milione almeno, di dispositivi con la gestione da remoto abilitata che possono esser sfruttati da malintenzionati per esser inglobati in una Botnet sostituendone il firmware o quant’altro.
I modelli affetti sembrano esser numerosi e sono i seguenti:


  • R8500
  • R8300
  • R7000
  • R6400
  • R7300DST
  • R7100LG
  • R6300v2
  • WNDR3400v3
  • WNR3500Lv2
  • R6250
  • R6700
  • R6900
  • R8000
  • R7900
  • WNDR4500v2
  • R6200v2
  • WNDR3400v2
  • D6220
  • D6400
  • C6300
Per il modello C6300, come annunciato da Netgear, l’aggiornamento sarà rilasciato dagli Internet Service Provider (Telecom, Wind ecc) 

Per tutti gli altri è stato rilasciato un aggiornamento del firmware che risolve questo problema: gli utenti possessori di questi modem sono consigliati nell’aggiornare subito il firmware del proprio dispositivo.

Non è la prima volta che Netgear corre ai ripari dopo lo scoprimento di un bug di sicurezza, non molto tempo fa era accaduta una cosa simile: Due modelli di router NetGear a forte rischio di sicurezza (aggiornato)
Di seguito un articolo interessante su come mettere in sicurezza il proprio router:

 

Elvis
Seguimi
(Visited 79 times, 1 visits today)

Elvis

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!