Avalanche, la rete internazionale dei criminali informatici, è stata annientata – Analisi Eset –

Tempo di lettura: < 1 minuto
Con ESET Online Scanner, strumento di pulizia gratuito, è possibile capire se si è stati infettati

Gli sforzi coordinati di varie forze dell’ordine in tutto il mondo hanno consentito di chiudere la rete Avalanche, che per diversi anni ha permesso a molti operatori di botnet di avvantaggiarsi della protezione che questa offriva contro i sistemi di chiusura e di blacklist dei domini. 

La rete Avalancheè stata definita come una rete fast-flux o in continua evoluzione, ed era formata da host compromessi che agiscono da server proxy. Questa tecnica ha reso esternamente difficile per gli esperti di sicurezza mappare l’infrastruttura del criminale e identificarne il vero server di comando e controllo.

Per capire se si è stati colpiti da una delle botnet presenti in questa rete ESET, il più grande produttore di software per la sicurezza informatica dell’Unione Europea, suggerisce agli utenti di controllare i propri computer usando gratuitamente ESET Online Scanner, strumento in grado di rimuovere tutti i contenuti pericolosi presenti nel sistema senza nessun costo per l‘utente.

ESET da sempre aiuta le forze dell’ordine di tutto il mondo nella lotta ai malware, come è successo per la botnet Dorkbot – che infettava migliaia di computer a settimana- o per l‘Operazione Windigo, che rubava le credenziali degli utenti e ne dirottava il traffico web verso dei contenuti pericolosi.

Maggiori informazioni sulla chiusura della rete Avalanche le trovate nell’articolo sul nostro blog Avalanche è stata annientata.
NdR: abbiamo parlato dell’argomento anche qui Avalanche Botnet smantellata dall’Europol e NCA

 

Elvis

Elvis

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: