Hyper-V in Windows 11: Come funziona e come disabilitarlo

La presenza predefinita di Hyper-V nei sistemi operativi Windows 11, sebbene sia un assetto efficiente per la virtualizzazione, può generare ostacoli per le applicazioni di terze parti. Quando si sperimentano conflitti con strumenti di virtualizzazione come VMWare Workstation, VirtualBox ed emulatori, è vitale disabilitare correttamente Hyper-V per garantire la fluidità delle altre app.

L’errore rilevato da Hyper-V può presentarsi in momenti cruciali, impedendo l’avvio di applicazioni, giochi per PC o utilità di ottimizzazione dell’hardware. In questa guida, vedremo come funziona Hyper-V e se esistono soluzioni efficaci per disabilitarlo su Windows 11.

Che cos’è e come funziona Hyper-V

Hyper-V, sviluppato da Microsoft, è un hypervisor di tipo 1, che opera direttamente sull’hardware fisico, consentendo la creazione e la gestione di macchine virtuali (VM) in un ambiente isolato. Questo strumento è particolarmente efficace per consentire agli utenti di eseguire più sistemi operativi contemporaneamente su un singolo hardware.

Il funzionamento di Hyper-V si basa sulla sua capacità di creare un layer di astrazione tra l’hardware del computer e il sistema operativo. Questo hypervisor si inserisce tra il sistema hardware e i sistemi operativi virtuali, consentendo loro di operare come se fossero eseguiti su hardware fisico dedicato. Ciò è reso possibile grazie alla virtualizzazione delle risorse hardware come CPU, memoria, storage e rete.

Quando si avvia una macchina virtuale tramite Hyper-V, l’hypervisor crea una rappresentazione virtuale dell’hardware necessario per il sistema operativo ospite. Questo include l’allocazione di risorse fisiche come la CPU e la RAM e l’offerta di accesso a dispositivi virtualizzati come schede di rete e controller di storage.

Il risultato finale è un ambiente isolato e autonomo che esegue un sistema operativo completo all’interno di una finestra o di un’interfaccia dedicata. Hyper-V offre una vasta gamma di funzionalità, tra cui snapshot per catturare lo stato di una VM in un determinato momento, la migrazione live che consente di spostare una VM da un host a un altro senza interruzioni, e la gestione centralizzata attraverso strumenti come Hyper-V Manager o PowerShell.

Perché potrebbe essere necessario disabilitare Hyper-V

L’introduzione di Hyper-V in Windows 11 ha portato un’ampia gamma di vantaggi per la virtualizzazione e la sicurezza del sistema operativo. In determinate situazioni, potrebbe essere necessario disabilitare l’Hypervisor Hyper-V per poter utilizzare software di virtualizzazione di terze parti, come VMware WorkStation e Virtual Box, che richiedono l’uso delle estensioni di virtualizzazione integrate come Intel VT-x e AMD-V. Questa necessità è principalmente dovuta al fatto che solo uno strumento di virtualizzazione può sfruttare queste estensioni disponibili sul processore.

La disabilitazione di Hyper-V potrebbe essere richiesta anche per altre funzionalità dipendenti da questo hypervisor, come Device Guard, Credential Guard e la funzionalità di integrità della memoria parte di Core Isolation in Sicurezza di Windows. Identificare se Hyper-V è in esecuzione diventa essenziale in queste circostanze. Fortunatamente, Windows offre uno strumento integrato per verificare lo stato dell’Hypervisor Hyper-V attraverso l’app System Information.

Per verificare lo stato di Hyper-V sul computer, è possibile seguire un semplice procedimento. Premendo Win + R per aprire la finestra Esegui e digitando “msinfo32.exe“, si accede all’app System Information. Una volta all’interno dell’app, controllare la presenza della seguente voce nella parte inferiore della scheda dei dettagli: “A hypervisor has been detected. Features required for Hyper-V will not be displayed.”

Se questa voce è presente, diventa necessario disabilitare Hyper-V in Windows 11, l’integrità della memoria e la funzionalità Credential Guard per poter utilizzare altri strumenti di virtualizzazione senza incontrare errori. Questo processo può essere eseguito seguendo le indicazioni specifiche per la disattivazione di queste funzionalità, consentendo così l’uso senza problemi di software di virtualizzazione di terze parti.

Come disabilitare Hyper-V in Windows 11

L’interfaccia delle Funzionalità di Windows offre un’opportunità di personalizzazione avanzata su Windows 11, permettendo di gestire funzionalità predefinite, incluso il potente Hyper-V. Questa caratteristica, sebbene utile, talvolta richiede disabilitazione per correggere specifici errori o ottimizzare il sistema. Se stai affrontando problemi legati a Hyper-V e hai bisogno di disabilitarlo, ecco una guida dettagliata.

Per iniziare, accedi alla finestra di dialogo Esegui premendo contemporaneamente i tasti Windows + R. Una volta aperta la finestra, digita ‘control’ e conferma con OK per aprire il Pannello di controllo. Qui, individua la sezione dei Programmi e seleziona ‘Programmi e funzionalità’. Nel riquadro a sinistra, trova e fai clic su ‘Attiva o disattiva le funzionalità di Windows’.

All’interno di questa finestra, cerca l’opzione Hyper-V e deselezionala per disabilitare questa funzione. Successivamente, scorri verso il basso e individua sia la Piattaforma Macchina Virtuale che l’opzione Piattaforma Hypervisor di Windows; deseleziona entrambe queste opzioni. Conferma le modifiche facendo clic su OK. A questo punto, Windows procederà con la disinstallazione di Hyper-V e delle funzionalità correlate dal sistema.

È fondamentale comprendere che per correggere completamente gli errori di Hyper-V, è necessario disabilitare anche le funzionalità della Piattaforma Macchina Virtuale e della Piattaforma Hypervisor di Windows. Una volta completata questa procedura, riavvia il PC per applicare in modo completo e corretto le modifiche effettuate. Seguendo questi passaggi, sarai in grado di gestire e disabilitare con precisione Hyper-V su Windows 11, ottimizzando così le prestazioni del tuo sistema operativo.

Come disinstallare Hyper-V

La gestione di Hyper-V in Windows 11 può presentare delle sfide quando si tenta di disinstallarlo utilizzando la finestra di dialogo Funzionalità di Windows. C’è però un’alternativa: il prompt dei comandi. Per disabilitare l’hypervisor, accedi al prompt dei comandi come amministratore. Una volta aperta la finestra del prompt dei comandi, inserisci il comando seguente:

"dism /online /disable-feature /featurename:Microsoft-hyper-v-all".

Premi Invio per eseguire il comando. Quando viene completata l’operazione, il tool DISM confermerà il successo dell’azione. Per completare il processo, digita “esci”, premi Invio per chiudere il prompt e riavvia il computer. Una volta riavviato, dovresti poter eseguire senza problemi i tuoi giochi e altri hypervisor, senza incorrere nell’errore precedente.

Se riscontri ancora difficoltà, puoi provare ad aprire nuovamente la finestra Funzionalità di Windows e disattivare la Virtual Machine Platform e le opzioni Windows Hypervisor Platform. Riavvia nuovamente il PC per assicurarti che l’hypervisor Hyper-V sia stato completamente disabilitato.

Articoli Correlati

Scegliere l’Office giusto per Windows 11: una guida completa

Nuova build su Canary Channel per Insider e supporto Wi-Fi 7

Risolvere i problemi di installazione Windows 11: Come controllare i requisiti di sistema, i driver e lo spazio di archiviazione