Anteprima Windows 10X: accesso senza password e cloud

Anteprima Windows 10X: accesso senza password e cloud

Da pochi giorni è possibile testare, in una macchina virtuale, Windows 10X: vediamo quali sono alcune interessanti novità ed alcuni screenshot.

Download ed installazione

Qualsiasi utente può provare il sistema operativo, a patto di avere Hyper-V ed un sistema capace di supportare la virtualizzazione.

E’ possibile scaricare il disco virtuale da Mega, quindi da start digitare Hyper-V ed aprire la voce Creazione Rapida Hyper-V, scegliere la voce Origine di installazione locale quindi assegnare il file VHDX scaricato ed avviare la creazione della macchina virtuale.

Solitamente le risorse hardware sono dinamiche, quindi non servirà assegnare manualmente la quantità di memoria da assegnare.

Successivamente basterà avviare la macchina virtuale e vedremo Windows 10X.

Primo impatto del sistema

Il primo avvio è normalmente dedicato alle prime impostazioni del sistema,

Questo sistema prevede l’accesso senza alcuna password, solo con l’account Microsoft e conferma, nel nostro caso, con l’app authenticator oppure con un sms o simili.

Leggi anche  Microsoft, insieme ad alcuni partner OEM, introduce i Secured-Core PC

Esplora risorse non è presente: infatti cercando di aprire quello che dovrebbe essere esplora risorse troveremo solo i contenuti Onedrive e la cartella dei Download.

Ecco altri screenshot del sistema:

Sicuramente il sistema è acerbo ed abbisogna ancora di qualche aggiustamento, ma è sicuramente pieno di spunti interessanti che fanno pensare ad un suo utilizzo in determinati device che, probabilmente, andranno a competere con i Chromebook di Google.

Alvise C.

Alvise C.

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.

Lascia un commento