Windows 20H1: Finalmente verrà usato lo schema partizioni GPT come predefinito

Windows 20H1: Finalmente verrà usato lo schema partizioni GPT come predefinito
Tempo di lettura: 2 minuti

Sembra quasi inverosimile ma fino alla versione 1909 veniva usato uno schema di partizionamento predefinito che poteva causare problemi in fase di aggiornamento. Ora Microsoft, con la versione 2004, lo ha cambiato, vediamolo in dettaglio.

Fino ad oggi la partizione di Recovery era all’inizio

Fino alla versione 1909 il layout usato prevedeva che la partizione di Recovery fosse all’inizio del disco seguita dalla partizione EFI/MSR e, per ultimo, la partizione di Windows.

Questo impediva, di fatto, che la partizione di Recovery potesse esser aumentata in caso di bisogno, sopratutto in fase di update ad una nuova versione di Windows 10. Infatti, guardando il layout, è fisicamente impossibile aumentarne lo spazio visto che è seguita da altre partizioni.

Vecchio layout che costringeva il sistema a creare una doppia partizione di recovery
Vecchio layout che costringeva il sistema a creare una doppia partizione di recovery

Per questo motivo, in fase di aggiornamento, il sistema è costretto a creare un altra partizione di Recovery, spesso posizionata a fine disco. Ovviamente questo quando è possibile, visto che gli errori correlati a questo problema sono molteplici e spesso richiedono l’intervento manuale dell’utente.

Con la versione 20H1 Microsoft, finalmente, ha cambiato il metodo di partizionamento predefinito, vediamo quale.

Nuovo layout come il modello predefinito GPT

Attualmente eseguendo un installazione pulita di Windows 10 Versione 2004 viene applicato il corretto layout di partizionamento, ovvero il seguente:

Nuovo layout attivo con la versione 2004
Nuovo layout attivo con la versione 2004

In questo modo, in caso di aggiornamento ad una nuova versione di Windows, non si incorrerà in errori riguardanti la modifica o il ridimensionamento della partizione di ripristino. In verità la novità era stata introdotta già nel programma Insider con la build 19023 Fast Ring, cosa che ha permesso il rilascio nella versione definitiva 20H1.

Vi ricordiamo di seguirci sulla pagina Facebook mettendo Mi piace alla nuova FanPage per restare aggiornati su tutte le news pubblicate all’indirizzo www.facebook.com/angolodiwindows, su Twitter all’indirizzo https://twitter.com/Alvise_C, sul nostro canale YouTube dove troverete molti contenti nell’ambito Hi-Tech, sul nostro sito Web che potete aggiungere ai preferiti e infine d’adesso anche la nuova App.

Elvis

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: