Re-imagining the Windows Experience (Concept) part 1 and 2

Tempo di lettura: 2 minuti

Microsoft sta lavorando da tempo per modificare l’aspetto del suo Sistema operativo, Windows 10. Grazie alle nuove icone riprogettate con lo stile Fluent Design Windows 10 sta cambiando aspetto. Ma prima leggi:

Genrole Caspe, un designer filippino, sulla base di fatti reali e trapelazioni degli ultimi mesi, ha immaginato come potrebbe (o dovrebbe) essere l’aspetto di Windows 10 nel prossimo futuro.

Ecco i punti chiave del suo lavoro (fonte MSPU):

  • Aspetto nuovo: bordi curvi, design modulare, per un’esperienza più personale e senza attriti.
  • Nuovo menu Start: apri le tue app e i tuoi documenti preferiti e più importanti bloccandoli al programma di avvio.
  • Schede della sequenza temporale: le schede mostrano un suggerimento di app in base alla sua rilevanza e all’uso recente.
  • File recenti: un nuovo posto per aprire rapidamente i documenti di Office modificati di recente.
  • Widget app: interagisci con le tue app direttamente dal Launcher senza aprirle.
  • Un nuovo look per Cortana e Cortana Notebook per conversazioni più coinvolgenti.
  • Esperienza di Esplora file riprogettata.
  • Riprogettato Action Center / esperienza di notifica.

Nelle scorse settimane è uscito un secondo video probabilmente ridisegnato con la uscita di Windows 10 20H1. A tal proposito:

Ma andando avanti possiamo vedere l’ultimo aggiornamento:

Progettare un’interfaccia utente bella, amichevole e intuitiva per Windows.

Il video precedente ha raccolto alcuni feedback interessanti con il design complessivo. Sulla base dei commenti, ha ottimizzato il design per renderlo più pulito e più coerente. Il Wallpaper lo trovate qui.

E voi cosa ne pensate? Vorreste un Windows così? Fatecelo sapere nei commenti.

Latest posts by Francesco Gasparri (see all)
(Visited 10 times, 1 visits today)

Francesco Gasparri

Sono Francesco Gasparri e sono stato appassionato fin da bambino di Computer e di sistemi Windows. Secondo me il cambiamento è costante. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!