Microsoft Edge Chromium: introdotta la protezione anti-tracciamente

Tempo di lettura: 2 minuti

Nelle nuove build di Microsoft Edge basato su Chromium c’è un interessante novità per quanto riguarda la sicurezza nella navigazione.

Vediamo di cosa si tratta e come attivarla

Protezione anti-tracciamento

Questo tipo di protezione impedisce ai cookie traccianti di seguirci durante la navigazione web. Questo tipo di cookie sono spesso usati da famosi negozi online che tengono traccia dei prodotti o pagine visualizzate, in maniera da riproporli all’utente durante la navigazione.

La tecnica è chiamata di “remarketing” ed è largamente diffusa.

Come abilitarla?

Se non vogliamo che questo accada è possibile abilitare questa protezione nel nuovo Microsoft Edge basato su Chromium. Per abilitarla è necessario avere almeno la versione 77.0.203.0 o superiore, quindi digitare questa stringa nella barra degli indirizzi:

edge://flags#edge-tracking-prevention 

Ora da questa schermata impostare su Enabled la voce “Microsoft Edge tracking prevention” quindi scegliere Relaunch per riavviare il browser.

Abilitare la Microsoft Edge tracking prevention
Abilitare la Microsoft Edge tracking prevention

Ora che abbiamo abilitato la voce potremmo modificare le voci specifiche raggiungibili all’indirizzo edge://settings/privacy dove si vedrà la seguente schermata:

Impostare su Bilanciato
Impostare su Bilanciato

E’ consigliato mantenere la voce pre-impostata ovvero Balanced, per non incorrere in fastidiosi blocchi che potrebbero interrompere la navigazione in alcuni siti web.

Via: Blog Windows

Elvis
Seguimi
(Visited 58 times, 1 visits today)
Leggi  Microsoft Edge Chromium avverte gli utenti se è in modalità amministratore

Elvis

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!