Come aggiungere Windows Sandbox a Windows 10 Home

Come aggiungere Windows Sandbox a Windows 10 Home
Tempo di lettura: 2 minuti

Con l’aggiornamento 1903 è stato introdotto, tra le altre cose, la modalità sandbox: questa interessante funzionalità è disponibile solo per le versioni Professional ed Enterprise.

Grazie ad una modifica creata da Deskmodder è possibile attivarla anche nei sistemi Home, vediamo come.

Cos’è una Sandbox?

Una sandbox è un ambiente virtuale isolato dal sistema, utile per testare le funzionalità di un programma. In questo caso lo scopo è principalmente relativo la sicurezza, essendo dedicato per le versioni Pro ed Enterprise.

In questo modo è possibile eseguire un applicativo sconosciuto al suo interno senza intaccare in alcun modo il sistema operativo sottostante, utile in ambiente aziendale (e non solo) per evitare infezioni o simili.

I requisiti

Per poter funzionare senza problemi la sandbox chiede i seguenti requisiti:

  • architettura a 64 bit
  • virtualizzazione abilitata a livello di BIOS/UEFI
  • 4 GB di memoria RAM minimo (consigliato 8 GB o superiori)
  • 1 GB di spazio libero (consigliato l’uso di SSD)
  • CPU almeno DualCore (meglio QuadCore)

Come installarlo

Per installare questa funzionalità è necessario scaricare il pacchetto direttamente da qui:

Successivamente avviare il file sandbox installer.bat

Al termine premere Y per confermarne l’installazione, quindi riavviare il sistema. Dopo il riavvio premere i pulsanti WIN + X quindi scegliere App e Funzionalità; aprire Programmi e Funzionalità dalla colonna di destra e scegliere Attivazione / Disattivazione delle funzionalità Windows.

Attivazione della Sandbox di Windows
Attivazione della Sandbox di Windows

Scorrere la lista fino a trovare Windows Sandbox, mettere la spunta e dare OK.

Dopo di questo la funzionalità comparirà da start > tutti i programmi.

Leggi  Come reimpostare i browser?

Via: Geekermag

Elvis

Elvis

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: