FIX I criteri dell’organizzazione impediscono il completamento automatico dell’azione

Il messaggio “I criteri dell’organizzazione impediscono il completamento automatico dell’azione” può apparire su Windows quando si cerca di eseguire un’azione che è stata bloccata dalle restrizioni imposte dall’organizzazione o dall’amministratore del sistema. Spesso capita quando si tenta di aprire un collegamento ipertestuale (o link) in Outlook.

Questo errore può essere frustrante, ma esistono diverse soluzioni che è possibile provare per risolvere il problema. In questo articolo, ti guideremo attraverso il processo di risoluzione del problema “I criteri dell’organizzazione impediscono il completamento automatico dell’azione“.

Passo 1: Verificare le Politiche dell’Organizzazione

La prima cosa da fare è verificare le politiche dell’organizzazione che potrebbero impedire l’esecuzione dell’azione. Se si stesse utilizzando un computer in un’organizzazione o in un’azienda, potrebbe esserci una politica di sicurezza che impedisce l’esecuzione di alcune azioni. In questo caso, è necessario contattare l’amministratore del sistema o il responsabile IT per verificare le politiche dell’organizzazione e ottenere le autorizzazioni necessarie per eseguire l’azione.

Passo 2: Disattivare le Politiche di Sicurezza

Se si ha accesso alle impostazioni di sicurezza del computer, è possibile disattivare temporaneamente le politiche di sicurezza per eseguire l’azione. Tuttavia, questa soluzione può essere pericolosa e potrebbe compromettere la sicurezza del sistema. Si consiglia di utilizzare questa soluzione solo se si è sicuri di ciò che si sta facendo e di ripristinare le politiche di sicurezza una volta completata l’azione. Vediamo in dettaglio cosa è possibile fare.

Impostazioni sulla telemetria e Group Policy

La prima soluzione è quella di agire su alcune impostazioni relative la telemetria, le quali se non configurate correttamente, possono influire nel funzionamento di alcuni software.

Risoluzione adatta per sistemi Home:

  • Apri Impostazioni
  • Clicca su Privacy e poi su Feedback e Diagnostica
  • Su “Sezione Diagnostica e dati utenti” assicurati che l’impostazione si Avanzata e non base.

Se invece hai una versione Professional di Windows (o superiori):

  • WIN+R
  • Digita gpedit.msc e premi Invio
  • Vai a Configurazione Computer>Modelli Amministrativi>Componenti di Windows> Dati e build precedenti (in Windows 11 il percorso è Configurazione Computer>Modelli Amministrativi>Componenti di Windows>Raccolta dati e versioni di anteprima)
  • Doppio clic su “Consenti telemetria” o “Configura esperienza utente connesse e telemetria
  • Sul lato sinistro seleziona “Abilitato” sul pulsante radio e sotto le opzioni assicurati che la terza opzione che trovi sia selezionata
  • Dopodiché clicca OK
  • Doppio click di nuovo su “Consenti telemetria” e stavolta metti “Non configurato” sul bottone radio.
  • Infine, esci da tutto e riavvia

Passo 3: Utilizzare un Account Amministratore

Se si dispone di un account amministratore sul computer, è possibile utilizzarlo per eseguire l’azione. Gli account amministratori hanno il permesso di eseguire tutte le azioni sul computer, anche quelle che sono state bloccate dalle politiche di sicurezza dell’organizzazione.

Passo 4: Esportare e importare la chiave di registro da un altro computer

Importante
Segui attentamente i passaggi di questa sezione. Una modifica errata del Registro di sistema può causare gravi problemi. Prima di apportare qualsiasi modifica, esegui un backup del registro per poterlo ripristinare in caso di problemi.

Passo 1: Esportare la chiave di registro da un altro computer

  • Su un computer che non presenta questo problema, seleziona Start>Esegui.
  • Nella casella Apri, digita regedit e poi clicca su OK.
  • Individua e seleziona la sottochiave del registro: HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Classes\htmlfile\shell\open\command.
  • Scegli Esporta o Registro di sistema dal menu File, a seconda del sistema operativo in uso.
  • Schermata del menu File nell’Editor del Registro di sistema.
  • Prendi nota della posizione in cui verrà salvato il file.
  • Rinomina il file e poi scegli Salva.
  • Esci dall’Editor del Registro.

Passo 2: importare la chiave del Registro di sistema

Copiare la chiave del Registro di sistema esportata sul desktop nel computer in cui si è verificato il problema.
Fai doppio clic sul file .reg.
Potrebbe apparire il seguente messaggio:

Per Windows 10, Windows 8.1 e Windows 8

L’aggiunta di informazioni può modificare o eliminare involontariamente i valori e impedire il corretto funzionamento dei componenti. Se non ti fidi della fonte di queste informazioni in C:\Utente\regkey.reg, non aggiungerle al Registro.

Seleziona Sì>OK.

Passo 3: verifica che il valore della stringa (predefinita) della chiave HKEY_CLASSES_ROOT .html sia htmlfile.

  • Seleziona Start>Esegui.
  • Nella casella Apri, digita regedit e poi clicca su OK.
  • Individua e seleziona la sottochiave di registro HKEY_CLASSES_ROOT .html.
  • Assicurati che il valore della stringa (predefinita) sia “htmlfile”. Se non è htmlfile, fai clic con il tasto destro del mouse su (Default), seleziona Modifica, inserisci htmlfile nella casella Valore e scegli OK.
  • Esci dall’Editor del Registro.


In conclusione, “I criteri dell’organizzazione impediscono il completamento automatico dell’azione” è un errore comune che può apparire su Windows. Ci sono diverse soluzioni che è possibile provare per risolvere il problema, tra cui verificare le politiche dell’organizzazione, disattivare temporaneamente le politiche di sicurezza, utilizzare un account amministratore o utilizzare un software di terze parti. Si consiglia di utilizzare queste soluzioni con cautela e di contattare l’amministratore del sistema o il responsabile IT se si ha bisogno di ulteriore assistenza.

Fonte per soluzione registro

Articoli Correlati

L’angolo dell’edicola: Edizioni Master S.p.A.

Scegliere l’Office giusto per Windows 11: una guida completa

Nuova build su Canary Channel per Insider e supporto Wi-Fi 7