Ti piace girare film amatoriali?

Hai già visto The Fabelmans, il più recente capolavoro cinematografico di Steven Spielberg? Ti è piaciuto scoprire come tutto è cominciato nella sua carriera? Vorresti seguirne le orme?

Oggi scopriremo alcuni consigli per realizzare film in casa. Ci concentreremo, però, sull’uso delle fotocamere, o videocamere, analogiche. Perché? Perché continuano a essere molto amate dai registi professionisti come Spielberg. È anche molto probabile che in casa abbiate una vecchia videocamera, magari acquistata dai vostri genitori o addirittura dai vostri nonni, 30, 40 o 50 anni fa (se non più antica). Potrebbe essere piacevole imparare a usare questo cimelio di famiglia. Comunque, alcuni dei consigli che seguono sono applicabili anche alle telecamere digitali nonché all’uso delle fotocamere incorporate negli smartphone.

Come evitare immagini sfocate

Le immagini sfocate sono una cosa da evitare. Senza dubbio sai che far oscillare una fotocamera quando si scattano istantanee farà ottenere immagini molto sfocate. Se la fotocamera non viene tenuta ferma durante le riprese, anche le immagini saranno agitate. Con una cinepresa, verrebbero scattate 18 foto ogni secondo, ovvero 90 immagini sfocate in 5 secondi. Quindi, la fotocamera deve essere tenuta ferma. Se state riprendendo qualcosa di fermo, non muovete la fotocamera per aggiungere del movimento. Salve alcune eccezioni, questa è una regola fondamentale.

Un’altra cosa che deve essere tenuta in considerazione è il tempo dell’esposizione. Il tempo gioca un ruolo più importante durante le riprese rispetto a quando si scatta solo una foto. La nostra mente ha bisogno di tempo per registrare qualcosa da ricordare. Quando premi il pulsante di scatto, pensa principalmente al tuo potenziale pubblico, non alla quantità di pellicola o di spazio che stai usando (i principianti vogliono sempre risparmiare). Considera quanto tempo è necessario per comprendere la scena. Questo dipende da cosa c’è da vedere e riprendere o da cosa sta succedendo. La regola più semplice è: quando c’è molto da vedere, o molta azione, la scena deve essere più lunga. Se c’è poco da vedere e poco movimento, la scena deve essere più breve. Altrimenti sarà noiosa.

Da 2 a 12 secondi di esposizione possono bastare. Quando premi il pulsante di scatto, conta i secondi: 21, 22, 23, ecc. Leggi 2 volte un testo che stai filmando. Non rendere mai la scena troppo breve. Se è un po’ troppo lunga, si può sempre accorciare, ovvero tagliare, in fase di montaggio.

Dovresti anche tenere presente che il tuo occhio e l’occhio della fotocamera sono molto diversi. L’occhio della macchina fotografica è solo una povera imitazione dell’occhio umano. Pertanto, non aspettarti di vedere sullo schermo ciò che il tuo occhio ha visto. L’occhio umano può anche adattarsi a contrasti di luce molto maggiori rispetto alla fotocamera. Quando è ancora abbastanza chiaro per l’occhio, potrebbe essere troppo scuro per la fotocamera. Poi, di nuovo, davanti a scene di neve o di luce solare brillante l’illuminazione potrebbe essere esagerata per la fotocamera. Quando si tratta di grandi contrasti, la fotocamera ha dei limiti. Ad esempio, l’ombra di un albero su una spiaggia sabbiosa causerà problemi alla fotocamera. L’esposizione completamente automatica nella maggior parte delle fotocamere si adatta solo a un valore medio. Ciò significa che sullo schermo la sabbia potrebbe essere troppo chiara e l’ombra troppo scura. Visto che il film non mostrerà le immagini come sono viste dall’occhio, si deve decidere quale oggetto è più importante per la scena. Un’alternativa è riprendere bene un oggetto per volta e poi, al PC, montare fra loro i due video. (Ma qui stiamo passando agli effetti speciali!).

A volte l’occhio umano ha difficoltà a adattarsi al passaggio dalla luce solare intensa all’ombra. Ci vuole tempo perché l’occhio si abitui a un cambiamento. Anche l’esposimetro di una fotocamera ha bisogno di tempo per adattarsi a un cambiamento delle condizioni di illuminazione. Quindi, se vuoi filmare scene in cui c’è un grande contrasto, concedi all’esposimetro il tempo di adattarsi. In caso contrario, parte del tuo film sarà sovraesposta o sottoesposta. A volte è bene effettuare regolazioni manuali.

Ti sei mai chiesto perché le tue foto a volte sono molto gialle o blu, anche se tutte le condizioni sono normali? L’occhio umano lavora in collaborazione con il cervello. Come un computer, il cervello confronta le impressioni che riceve con l’esperienza e apporta le correzioni necessarie. In linea di principio la fotocamera non lo può fare, o non ci riesce in modo altrettanto efficace. Pertanto, se si utilizza una pellicola realizzata per la luce artificiale e si scattano foto alla luce del sole, le scene tenderanno al blu. Una pellicola per la luce del giorno apparirebbe gialla quando si filma in luce artificiale. Se si utilizza la pellicola per la luce artificiale durante le riprese alla luce del giorno, sarà necessario utilizzare un filtro. Naturalmente, questo filtro deve essere rimosso quando si filma in interni.

Se vuoi avvicinarti al tuo oggetto rispetto alla distanza consentita dal tuo obiettivo, dovrai far indossare degli “occhiali” alla tua fotocamera, altrimenti l’immagine non sarà nitida. Con la maggior parte delle telecamere la distanza deve essere impostata manualmente. Se la fotocamera ha un obiettivo zoom e un telemetro incorporato, si deve sempre utilizzare la massima lunghezza focale.

Si noti che alcuni dispositivi digitali permettono lo zoom durante le riprese, ma il suo uso potrebbe essere reso complicato dal fatto che è obbligatorio interagire toccando lo schermo. Le immagini potrebbero venire mosse durante l’uso dello zoom. Una soluzione potrebbe essere l’uso di un telecomando Bluetooth.

Articoli Correlati

L’angolo dell’edicola: Edizioni Master S.p.A.

Scegliere l’Office giusto per Windows 11: una guida completa

Nuova build su Canary Channel per Insider e supporto Wi-Fi 7