Home News Voicemod: il software definitivo per la voce?

Voicemod: il software definitivo per la voce?

da Giovanni Correddu
Pubblicato: Aggiornato il: 0 commenti

Ascolta questo articolo

Lo scorso 20 luglio, sulla pagina ufficiale di AVerMedia è comparsa una notizia interessante:

Grazie a una collaborazione con i pionieri della tecnologia vocale elettronica, è stato presentato Voicemode. Questo programma permette diverse funzioni in tempo reale sul microfono.

  • Oltre 100 varianti vocali da usare in streaming (ogni mese sono aggiunti nuovi effetti)
  • Creazione di effetti vocali personalizzati (anche da zero)
  • Integrazione completa con software e hardware prodotto da AVerMedia
  • Possibilità di comandarlo facilmente in wireless tramite dispositivo mobile
  • E molto altro

Visto che, oltre agli articoli del nostro sito, creiamo anche contenuti audio e video, abbiamo provato immediatamente il programma. Vi dirò di più. Per tutto il mese di agosto, ho usato Voicemod (licenza Pro) in quasi tutti gli episodi che ho pubblicato nel mio Keration PC | PodCast.

Com’è andata?

Diciamo subito che, come ammesso dalla stessa AverMedia, il programma ha elevate richieste hardware. Il PC usato per registrare gli episodi del mio Podcast è così composto:

  • Scheda madre ASRock Z590 Taichi
  • CPU Intel i9-11900F
  • RAM 64 GB
  • Scheda video AMD Radeon RX 590 8GB
  • Sistema operativo installato su SSD Western Digital Blue da 1TB
  • Scheda audio Sound Blaster AE-7
  • Cuffie/microfono SXFI Gamer
  • Webcam Creative Live! Cam Sync 1080p

L’hardware è molto potente. Le cuffie e il relativo microfono sono collegati tramite cavo USB.

Comunque, non sono mancati i problemi. Per registrare correttamente, ho dovuto impostare la CPU su prestazioni elevate in risparmio energia di Windows 11, per garantire lo sblocco di tutti i Core e per lavorare a 5 GHz. Il più delle volte, le registrazioni sono venute bene.

Comunque, quando ho cercato di usare la webcam, l’audio del microfono è risultato scoppiettante, a scatti, spesso incomprensibile. Per gestire la webcam, uso due programmi della Cyberlink:

  1. YouCam 365
  2. Screen Recorder 4

Per evitare problemi sul microfono, ho dovuto disattivare le anteprime video. Questo, però, non mi permette di gestire gli effetti video in tempo reale.

Ho riscontrato altri problemi nelle videoconferenze su Zoom, dove uso spesso due webcam in contemporanea. Anche usandone una soltanto, mi dicono che non riescono a sentirmi correttamente. Come smetto di usare Voicemod, la mia voce diventa chiara.

Pertanto, al momento ho trovato due soli modi per usare senza problemi Voicemod:

  1. Registrazione audio
  2. Registrazione o streaming senza webcam

Come funziona?

Ma andiamo a scoprire come funziona il programma Voicemod. Prossimamente spero di realizzare qualche video tutorial che permetterà di conoscerlo ancora meglio. Nel frattempo, vi invito ad ascoltare gli episodi di Keration PC | PodCast che ho pubblicato ad agosto (alcuni compaiono anche su Symphonic Musical Soul).

Noterete che molti episodi ripetono gli stessi argomenti, magari con parole diverse. Perché? Perché ho usato tutte le varianti delle voci offerte da Voicemod, ma alcune rendono la voce difficile da comprendere. Scopriamo perché. Ricordo, però, che le immagini del programma che vedrete fanno riferimento alla versione Pro del programma.

Al primo avvio il programma chiede di impostare microfono e altoparlanti.

image 1

Il programma offre un sistema di ricerca per trovare rapidamente la voce più adatta all’uso. La ricerca si può semplificare cliccando sul menu a tendina e selezionando una delle categorie. In alto a destra è presente l’icona di un dado, che fa scegliere al programma la voce da usare.

Nella parte principale della schermata troviamo le icone che permettono di attivare la voce che interessa. Alcune voci sono molto complesse e possono richiedere 10-15 secondi prima di attivarsi.

In basso, troviamo una serie di icone, che permettono di ascoltare la propria voce e attivare o disattivare il Voice Changer e gli eventuali Effetti di fondo. Le icone a destra permettono di attivare o disattivare il microfono nonché molte altre funzioni.

L’icona dell’altoparlante è importantissima. Permette di aggiunge diverse regolazioni. Per esempio, se notiamo che gli effetti di fondo continuano a sovrastare la nostra voce, possiamo provare a modificare il volume voice changer.

Che dire dei clic del mouse? Si possono modificare regolando i rumori di fondo.

L’ultima icona permette di interagire con l’App Voicemod installata nello smartphone. In questo modo si potrà passare in tempo reale da una funzione all’altra del programma installato nel PC.

image 2

Le voci sono davvero tante, oltre 100. E ogni mese se ne aggiungono altre. Inoltre, è possibile cercare nel sito del programma le voci BETA.

Alcune voci modificano l’altezza della propria voce. Un uomo può parlare con voce femminile, mentre una donna può parlare con voce maschile. Inoltre, sono presenti diversi effetti.

image 3

Per esempio, Pilot simula gli effetti sonori di un automobilista. Non è stano che una delle tre voci selezionabili sia Michael (Schumacher). Attivando Cabin sarà possibile aggiungere l’effetto del bip del walkie talkie.

Le voci Alice, Bob e The Narrator sono state pensate per chi volesse registrare la lettura di un racconto.

Altre voci simulano effetti cinematografici o videoludici: The Doctor (Who), Game Over, Odin (il padre di Thor), AI 9000 (2001 Odissea nello Spazio), Cop (comprende una colonna sonora con inseguimento automobilistico), Cartoon man, Zombie, ecc.

Ci sono poi voci pensate per i musicisti: Magic Chords (per trasformare la propria voce monofonica in un accordo musicale), Trap Tune (trasforma quello che si dice in un ritmato brano Rap), AI DJ, Punk, Party Time, Birthday (con l’aggiunta della famosa canzone in diverse versioni).

È curiosa la voce Sleepyhead: si parla sopra i suoni di qualcuno che sta dormendo.

Cave è una delle voci che ho usato più spesso. Come sottofondo si sentono i suoni di una caverna, con l’acqua che sgocciola.

Romantic offre due colonne sonore oltre a una voce profonda e a suoni provenienti da un ristorante (festa di matrimonio).

Tre sono le voci più pulite, che funzionano sempre con la webcam attiva: Clean, Voice Enhancer ed Echo. Quest’ultima, però, va usata con moderazione, visto che aggiunge un’eco a tutto ciò che si dice.

Per i gameplay dell’Angolo del Game sto usando Voice Enhancer.

Ci sono voci che cambiano l’accento linguistico nonché gli accenti delle parole. Mentre si parla, le nostre parole pronunciate con un accento italiano sembreranno pronunciate da un anglofono.

Queste sono solo alcune delle oltre cento voci, che vorrò scoprire insieme a voi in un video dedicato.

Altre funzioni

image 4

A sinistra del programma troviamo una serie di icone. La penultima permette di reimpostare alcune funzioni (cambiare il microfono, gli altoparlanti, ecc.). Account contiene i link per accedere alle impostazioni personali nel sito del programma. È presente anche un Programma partner! a cui siamo associati (ma al momento non abbiamo la possibilità di offrirvi alcuno sconto). Il Programma partner! è ancora agli inizi. Speriamo che presto ci saranno degli sviluppi.

Ma approfondiamo le altre voci. Finora c’eravamo soffermati sulla VOICEBOX. Che dire di SOUNDBOARD?

Questa sezione contiene centinaia di effetti sonori. A molti di questi siamo abituati grazie al TG satirico Striscia la notizia, a Paperissima e ad altri programmi televisivi. Qui abbiamo la collezione di tutti quei suoni che sentiamo spesso in TV. Ma ce ne sono moltissimi che in TV non si sentono mai. Si potrebbero usare mentre si fa una live su Twitch o si sta registrando qualcosa, così da essere noi invidiati da chi fa la TV! Magari dedicheremo un video a questa sezione.

Voicelab permette di creare nuovi effetti. Si può intervenire su decine di funzioni. Spero di realizzare presto un tutorial per questa sezione.

La sezione Creator è pensata per chi è presente su Twitch.

Conclusioni

Voicemod riceve continui aggiornamenti. È possibile aggiornarsi sulle novità visitando la pagina apposita.

Chiunque può provare Voicemod, visto che è distribuito gratuitamente. Ma molte funzioni sono limitate o disattivate. Per un uso completo, consigliamo di passare alla versione Pro. La versione gratuita prevede un numero limitato di voci, che saranno regolarmente sostituite.

Chiunque avesse bisogno di modificare la propria voce, Voicemod è il miglior programma che abbiamo provato. E ne abbiamo provato diversi ultimamente. Supera anche i software inclusi con alcune schede audio. Abbiamo fatto un confronto anche con vocoder costosi, che superano le migliaia di euro. Nei risultati, è riuscito a batterli. Resta, però, il fatto che il PC deve essere molto potente e, comunque, non è garantito che la qualità della registrazione non abbiano difetti con l’uso di hardware potente di ultima generazione.

Dal 1° settembre, ho smesso di sbizzarrirmi con tutte le voci di Voicemod nei miei Podcast. Comunque, continuerò a usarlo, specialmente quando farò citazioni di qualche professionista che non posso intervistare. Semplicemente cercherò di simulare la sua voce con Voicemod, magari aggiungendo qualche inglesismo qua e là. Soprattutto, continuerò a divertirmi nel creare materiale audio/video con questo speciale programma.

Non perdere questi contenuti:

Lascia un commento