FIX: VMware Workstation does not support nested virtualization on this host

FIX: VMware Workstation does not support nested virtualization on this host

La versione 15.5 di VMware dovrebbe supportare l’abilitazione di Hyper-V insieme a VMware ma, purtroppo, sussistono ancora dei problemi, come l’errore VMware Workstation does not support nested virtualization on this host. Vediamo come risolverlo

Problema dopo aggiornamento e affligge le macchine virtuali già presenti

Questa problematica, come detto, si manifesta nei sistemi con la versione successiva alla 15.5 di VMware, con qualsiasi versione di Windows 10. Ovviamente con la funzionalità Hyper-V abilitata.

La funzionalità in questione non è ancora del tutto compatibile con le tecnologie VMware e può provocare dei problemi.

La prima soluzione è quella di disabilitare la funzione Hyper-V, seguire la procedura seguente:

  1. Nel pannello di controllo selezionare programmi e funzionalità.
  2. Selezionare attiva o disattiva le funzionalità di Windows.
  3. Espandere Hyper-v, espandere piattaforma Hyper-v e quindi deselezionare la casella di controllo hypervisor Hyper-v .

FIX: VMware Workstation does not support nested virtualization on this host

Altrimenti premere i pulsanti WIN + X ed aprire powershell come amministratore, quindi digitare

Disable-WindowsOptionalFeature -Online -FeatureName Microsoft-Hyper-V-Hypervisor

Leggi anche  Windows Movie Maker: Come scaricarlo ed utilizzarlo in Windows 10

Altrimenti, se abbiamo bisogno della funzionalità Hyper-V attiva, dobbiamo andare nelle impostazioni della macchina virtuale
problematica e togliere la spunta dalle voci “Virtualize Intel VT-x/EPT or AMD-V/RVI” e “Virtualize CPU performance counters” (come da immagine).

FIX: VMware Workstation does not support nested virtualization on this host

Con queste due impostazioni disabilitate, però, le prestazioni della macchina virtuale potrebbero ridursi.

Alvise C.

Alvise C.

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.