Ecco la policy per restare in un determinato Feature Update

Tempo di lettura: 3 minuti

Microsoft ha introdotto alcune modifiche nella gestione di Windows Update, ha rimosso ad esempio la possibilità di ritardare l’aggiornamento dando la possibilità di farlo solo per massimo 35 giorni, ma c’è un altra procedura che è possibile intraprendere, vediamo quale.

Windows Update: i feature update sono importanti

E’ da premettere che installare i Feature Update sono importanti, essendo delle vere e proprie nuove versioni di Windows 10. Ovviamente è opportuno aggiornare quando il sistema è pronto, ad esempio forzarne l’aggiornamento in caso ci sia un avviso del genere (vedi immagine) non è consigliato.

Windows 10 2004 non è ancora arrivato? Meglio non forzare
Windows 10 2004 non è ancora arrivato? Meglio non forzare

E’ la stessa Microsoft che sconsiglia di aggiornare in presenza di questo avviso. Ad ogni modo, la possibilità di interagire con gli aggiornamenti è ancora possibile ma è resa disponibile solo in alcune versioni.

La policy solo nelle versioni PRO e superiori

Attualmente la policy di gruppo è disponibile solo nei sistemi Windows 10 Professional e superiori, vediamo quali sono.

Il percorso delle policy è il seguente:

Criteri computer locale > Modelli Amministrativi > Componenti di Windows > Windows Update > Windows Update per le aziende

Ecco le policy disponibili
Ecco le policy disponibili

Le regole che si possono modificare sono le seguenti:

  • Seleziona il momento per la ricezione delle versioni di anteprima e degli aggiornamenti delle funzionalità
  • Seleziona il momento per la ricezione degli aggiornamenti qualitativi
  • Seleziona la versione di aggiornamento delle funzionalità di destinazione
Ritardare gli aggiornamenti fino a 365 giorni
Ritardare gli aggiornamenti fino a 365 giorni

Con la prima voce è possibile impostare la versione che si desidera installare, scegliendo fra quelle presenti nel programma Insider fino a quella semestrale, adatta per tutti.

Leggi  KB4497935 Aggiornamento cumulativo di giugno crea problemi di connettività per alcuni utenti

Da qui è possibile ritardare l’installazione fino ad un massimo di 365 giorni, usando il Canale Semestrale.

Impostiamo la versione di destinazione in cui vogliamo rimanere
Impostiamo la versione di destinazione in cui vogliamo rimanere

Quella regola che più ci interessa è “Seleziona la versione di aggiornamento delle funzionalità di destinazione” che permette di impostare con quale versione di Windows 10 vogliamo rimanere, fino al termine del supporto ove l’aggiornamento sarà ovviamente obbligato.

Per abilitarla basterà impostare la regola su Attivato e scrivere la versione di destinazione, stando attenti ad usare quella corretta indicata da Microsoft:

VersionServicing optionAvailability dateOS buildLatest revision dateEnd of service: Home, Pro, Pro Education, Pro for Workstations and IoT CoreEnd of service: Enterprise, Education and IoT Enterprise
2004Semi-Annual Channel2020-05-2719041.3312020-06-182021-12-142021-12-14Microsoft recommends
1909Semi-Annual Channel2019-11-1218363.9042020-06-162021-05-112022-05-10
1903Semi-Annual Channel2019-05-2118362.9042020-06-162020-12-082020-12-08
1809Semi-Annual Channel2019-03-2817763.12942020-06-162020-11-102021-05-11
1809Semi-Annual Channel (Targeted)2018-11-1317763.12942020-06-162020-11-102021-05-11
1803Semi-Annual Channel2018-07-1017134.15532020-06-16End of service2020-11-10
1803Semi-Annual Channel (Targeted)2018-04-3017134.15532020-06-16End of service2020-11-10
1709Semi-Annual Channel2018-01-1816299.19372020-06-18End of service2020-10-13
1709Semi-Annual Channel (Targeted)2017-10-1716299.19372020-06-18End of service2020-10-13

E per Windows 10 Home?

Per i sistemi casalinghi la policy, ovviamente, non è presente. In alternativa è possibile interagire attraverso il registro di sistema applicando questa procedura:

Ecco il percorso ove creare i valori
Ecco il percorso ove creare i valori
  • Premere i pulsanti WIN + R e digitare “regedit”
  • Recarsi nel percorso

HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Policies\Microsoft\Windows\WindowsUpdate

  • Creare un nuovo valore DWORD (32 bit) denominandolo TargetReleaseVersion assegnando valore 1
  • Ora Creare un nuovo valore STRINGA denominato TargetReleaseVersionInfo assegnando come valore la versione di Windows 10 in cui vogliamo rimanere (1909 ecc)
Leggi  Ultimi aggiornamenti rallentano il sistema, come risolvere?

È consigliabile non modificare direttamente il registro di sistema, a meno che non sia presente un’altra alternativa. Le modifiche apportate al registro di sistema non vengono convalidate dall’editor del registro o dall’applicazione Windows prima che vengano applicate. Di conseguenza, i valori non corretti possono essere archiviati e ciò può causare errori irrecuperabili nel sistema. Quando possibile, invece di modificare direttamente il registro di sistema, usare criteri di gruppo o altri strumenti di Windows, ad esempio Microsoft Management Console (MMC) per eseguire attività. Se è necessario modificare il registro di sistema, usare estrema cautelaSalvare il registro di sistema prima di applicare le modifiche.

Questa modifica è attuabile dai sistemi con la 1809 e successive.

Via: BleepingComputer

Elvis
Seguimi
(Visited 26 times, 1 visits today)

Elvis

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!