Come recuperare il proprio account quando Windows crea un nuovo utente standard di default

Tempo di lettura: 2 minuti

Abbiamo visto che in alcuni casi Windows crea un profilo utente per poter completare alcune procedure nel sistema, altre volte però potrebbe creare erroneamente un nuovo profilo utente temporaneo come predefinito, escludendo quindi il vecchio profilo. Vediamo come risolvere il problema.

Utente temporaneo user.contoso predefinito

Come detto, in alcuni casi il sistema può creare un profilo utente temporaneo che andrà a sostituire quello predefinito dell’utente.

Il nome assegnato all’utente potrebbe essere simile a user.contoso dove al posto di contoso potremmo trovare il nome del computer.

Vediamo come procedere per risolvere il problema.

Come ripristinare l’account utente

Prima di procedere consigliamo di creare un punto di ripristino del sistema, eseguire un backup del registro di sistema ed avere una copia dei propri dati importanti salvati in un disco esterno, compresa un immagine completa di Windows.

Modificare il percorso solo se si è esperti nell’uso di Windows, modificarlo senza avere cognizione di causa può portare alla perdita dei dati o dell’operatività del sistema, pertanto l’autore declina ogni responsabilità dall’utilizzo da parte di terzi delle informazioni qui riportate.

Prima di tutto, premere i pulsanti WIN + X ed aprire il powershell come amministratore, ora digitare

cmd

quindi digitare il comando

 whoami /user 

Quest’ultimo comando indicherà gli utenti attualmente presenti nel sistema ed il relativo SID, prendiamo nota del SID correlato con il nostro utente da ripristinare. Il codice SID sarà come questo:

S-1-5-21-37**99***4-*3***0*9**-102****088-6**081 

Ora premere i pulsanti WIN + R e digitare

regedit

Ora posizionarsi nel percorso Computer quindi da File scegliere Esporta e indicare il desktop come destinazione, questo creerà un backup del registro nel desktop.

Cercare questo percorso:

HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows NT\CurrentVersion\ProfileList 
Ecco i valori che potremmo trovare nel percorso del registro
Ecco i valori che potremmo trovare nel percorso del registro

Ora nella lista troviamo i SID degli utenti presenti nel sistema, potremmo trovare dei valori che finiscono con .bak, individuiamo il SID relativo il nostro account.

Leggi  Nuovi brevetti Microsoft mostrano grosse novità per il progetto "Andromeda"

Se troviamo il profilo che finisce con .bak

Nel caso che il nostro profilo finisca con .bak è opportuno rinominarlo ed eliminare il suffisso .bak, quindi individuare nella colonna di destra il valore ProfileImagePath ed accertarsi che punti al percorso corretto del nostro utente, che potrebbe essere C:\Users\Mioutente.

Quindi il valore diventerà da così

S-1-5-21-37**99***4-*3***0*9**-102****088-6**081.bak

a così

S-1-5-21-37**99***4-*3***0*9**-102****088-6**081 

Eliminando quindi il suffisso finale .bak.

In aggiunta controllare che il valore di State sia a 0, se no impostiamolo quindi chiudiamo il registro e riavviamo il sistema.

Se troviamo il profilo che NON finisce con .bak

In questo caso basterà controllare il valore ProfileImagePath e far in modo che il percorso memorizzato punti alla nostra cartella utente, mentre il valore di State dev’essere sempre a 0.

Se troviamo due profili che finiscono uno con .bak ed uno no?

In questo caso è necessario rinominare il profilo che finisce SENZA .bak assegnandoli il nome cambiando il .bak in .old ovvero da

S-1-5-21-37**99***4-*3***0*9**-102****088-6**081

diventerà

S-1-5-21-37**99***4-*3***0*9**-102****088-6**081.old

quindi rinominare il valore che finisce con .bak eliminando il suffisso che da così

S-1-5-21-37**99***4-*3***0*9**-102****088-6**081.bak

diventerà solo

S-1-5-21-37**99***4-*3***0*9**-102****088-6**081  

Anche in questo caso accertarsi che il valore ProfileImagePath punti al percorso corretto del nostro utente e che il valore State sia impostato a 0.

Via: MS Answers

Elvis
Seguimi
(Visited 75 times, 1 visits today)

Elvis

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!