Windows 10 riserverà 7 GB di spazio per gli aggiornamenti

Windows 10 riserverà 7 GB di spazio per gli aggiornamenti

Microsoft ha annunciato l’introduzione di una nuova funzionalità chiamata “reserved storage” o “spazio riservato” per i processi critici di sistema che vedrà la luce nella versione 1903. Cosa vuol dire?

Vediamo insieme come funziona e come disabilitarlo

Come funziona

Spazio riservato imposterà una sorta di partizione virtuale di minimo 7 GB ove il sistema operativo e gli applicativi ad esso correlati potranno creare i propri file temporanei.

Ovviamente la principale funzionalità che avrà benefici da questo tipo di impostazione è proprio Windows Update che avrà spazio riservato ed assicurato per poter aggiornare correttamente il sistema operativo.

Non sarà attivo per tutti da subito

Come indicato da Microsoft questa funzione NON sarà attiva subito per tutti, infatti quando sarà rilasciata la versione 1903, sarà attivata per i pc in cui sarà pre-installato e per quei PC ove verrà fatta un installazione pulita della versione 1903.

Se non ci aggrada questo tipo di approccio è sempre possibile intervenire, vediamo come.

Diminuire lo spazio o disabilitare la funzione

Secondo Microsoft ci sarà la possibilità di diminuire lo spazio riservato andando a rimuovere le funzionalità facoltative installate nel sistema oppure le lingue aggiuntive installate.

E’ altre sì possibile disabilitare questa funzionalità andando a modificare una chiave di registro del sistema operativo.

Premere i pulsanti WIN + R > digitare “regedit” quindi individuare il seguente percorso:

HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\ReserveManager 

Cercare il valore DWORD “ShippedWithReserves” ed impostare il valore a 0.

Al termine riavviare

Avviso L’errata modifica del Registro di sistema tramite l’editor o un altro metodo può causare seri problemi, che potrebbero richiedere la reinstallazione del sistema operativo. Microsoft non è in grado di garantire la soluzione di problemi derivanti dall’errato utilizzo dell’editor del Registro di sistema. La modifica del Registro di sistema è a rischio e pericolo dell’utente. Prima di procedere a modifiche del registro si consiglia di effettuare un salvataggio delle chiavi interessate, come indicato in:Come eseguire il backup e il ripristino del Registro di sistema in Windows

Leggi  Le ultime novità di Windows 10 Insider Preview nel canale Beta

Approfondimento: Blog Windows

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *