Come attivare l’isolamento dei siti in Google Chrome

Tempo di lettura: < 1 minuto

Con la versione 63.0.3239.132 di Chrome è stata implementata la funzione di isolamento dei siti, dedicata alla mitigazione delle vulnerabilità scoperte nell’architettura dei processori moderni, di cui parlavamo in questo articolo:

Meltdown e Spectre: la situazione e gli aggiornamenti

Come attivarla

Vediamo i passaggi necessari ad abilitare questa funzione sperimentale:

digitare nella barra degli indirizzi chrome://flags e dare invio, ora digitare nella barra di ricerca site-per-process e dare invio, abilitare la funzione trovata denominata Strict Site Isolation

NOTA:

Google non ha ancora abilitato la funzione di default in quanto è ancora sperimentale, per questo motivo potrebbe aumentare le risorse usate dal browser (inteso come memoria RAM) del 10-20% in più. 

 

Seguimi

Elvis

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica.

In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino.

In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.
Elvis
Seguimi
(Visited 297 times, 1 visits today)
Leggi  Windows rimuoverà in automatico gli aggiornamenti problematici

Elvis

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti