Come impedire il mining delle criptomonete (aggiornato)

Tempo di lettura: < 1 minuto

In molti siti di rilevanza nazionale si è parlato del fenomeno di mining di monete virtuali in siti come piratebay, cb01 e molti altri.  Anche se servizi come Cloudflare banneranno i siti che minano criptomonete, sicuramente ci sarà un aumento di questo fenomeno, per questo motivo è opportuno correre ai ripari.

Come bloccare i coinminer

Come difesa abbiamo dei componenti aggiuntivi come Adblock o Ublock che, se configurati correttamente, possono aiutarci a bloccare queste funzionalità nascoste nei siti che visitiamo. 

Ad esempio, usando il componente aggiuntivo Adblock sarà necessario aggiungere questa stringa nei filtri, accessibile da Opzioni Adblock > Aggiunti i tuoi filtri personali

oin-hive.com/lib/coinhive.min.js

In aggiunta dei file utili per Ublock sono scaricabili da qui: uBlock Origin Assets

Protezione integrata nelle protezioni domestiche?

Questo in attesa che la funzionalità sia inserita nelle suite di sicurezza come Eset, Kaspesrky e simili, oltre ad implementazioni che ad esempio la stessa Google farà contro la pubblicità ed i banner invasivi, sperando implementino qualcosa anche contro il mining delle monete virtuali. 

Vi invitiamo, se non lo avete già fatto, ad inserirci nella whitelist  di uBlock o Adblock, potete seguire questo link

Per Adblock sarà necessario accedere alle opzioni > Domini permessi

Grazie per il vostro Supporto! 

Aggiornamento: sono state rilasciate alcuni componenti aggiuntivi per Chrome dedicati a bloccare il mining, sono i seguenti:

minerBlock –  Antiminer   – No Coin

Seguimi

Elvis

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica.

In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino.

In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.
Elvis
Seguimi
(Visited 714 times, 1 visits today)
Leggi  OceanLotus: vecchie tecniche, nuova backdoor

Elvis

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *