FBI mette in guardia verso i giocattoli connessi ad internet: ecco a cosa stare attenti

Tempo di lettura: 2 minuti

La divisione Internet Crime Complaint Center dell’FBI americana mette in guardia gli utenti in merito l’utilizzo di giocattoli per bambini connessi ad internet: ci sono tantissimi articoli di questo tipo, giocattoli con riconoscimento vocale, microfoni, webcam e posizione GPS in alcuni casi.  

 

I consigli qui riportati possono esser validi per tutti quelli che vogliono accertarsi che il proprio figlio utilizzi giocattoli sicuri e che informazioni sensibili e delicate non finiscano in mano a persone sbagliate. 

A cosa stare attenti

L’FBI ricorda che giocattoli di questo tipo possono esser usati da persone senza scrupoli per spiare e ascoltare gli utilizzatori dei giocattoli (che sono perlopiù bambini tra i 0-10 anni): per questo è opportuno PRIMA di acquistare il giocattolo accertarsi: 

  • che tipo di dati vengono salvati e perché
  • dove vengono salvati i nostri dati
  • i dati memorizzati rimangono in server aziendali o vengono dati a terze parti 
  • i software e le piattaforme usate dall’azienda in questione soffrono di vulnerabilità conosciute? eseguire una ricerca in un motore di ricerca

Verificare la reputazione del produttore e la sicurezza 

Oltre a questi aspetti l’FBI ha stilato alcuni punti dediti a tutelare gli utilizzatori più piccoli e a mettere in guardia i genitori:

  • verificare se il giocattolo presenta vulnerabilità conosciute  e se l’azienda è corsa ai ripari tempestivamente
  • in fase di connessione via bluetooth o WIFI il gioco ha metodi di autenticazione aggiuntivi come il PIN per il pairing bluetooth o connessioni cifrate (HTTPS) per il trasferimento dati tra giocattolo e server aziendale?
  • controllare se il giocattolo in uso è aggiornabile e se quello acquistato presenta l’ultima versione del firmware rilasciata
  • leggere attentamente l’informativa sulla privacy e considerare se: l’azienda in caso di attacco informatico notificherà se i dati possono esser stati compromessi? in caso di vulnerabilità nel software del giocattolo, ci saranno notifiche per gli utenti? dove vengono salvati i dati raccolti? chi può aver accesso a quei dati? in caso di cambiamento nell’informativa privacy, l’azienda notificherà l’accaduto agli utenti? ci sono contatti o form dove l’utente può mettersi in contatto con il supporto aziendale? 
Inoltre è consigliabile spegnere la webcam o i microfoni quando NON sono in uso, usare password robuste e complesse in caso di creazione account collegati ai giocattoli stessi, fornire quindi meno informazioni sensibili possibili durante la creazione degli stessi. 
 

Nota informativa completa raggiungibile qui:
Internet Crime Complaint Center (IC3) | Internet-Connected Toys Could Present Privacy and Contact Concerns for Children

Elvis
Seguimi
(Visited 87 times, 1 visits today)

Elvis

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!