Bug in Dropbox che resuscita file eliminati da anni

Tempo di lettura: 2 minuti
Dal forum Dropbox  vi sono diversi thread inerenti un problema riscontrato da molti utenti: diversi file, eliminati anni prima (alcuni anche nel 2009, 2010) sono ritornati in “vita” tra i file dell’account Dropbox. 

Alcuni utenti lamentano la presenza di file eliminati anche 6 o 7 anni fa, cosa che ovviamente va contro la politica adottata dal provider Cloud, ribadita anche dai moderatori della società americana che riportano:

Typically, we permanently remove files and folders from our servers within 60 days of a user deleting them.

Il problema quindi è derivata da un bug riportato e spiegato (in termini semplici) sempre dallo stesso moderatore:

A bug was preventing some files and folders from being fully deleted off of our servers, even after users had deleted them from their Dropbox accounts. While fixing the bug, we inadvertently restored the impacted files and folders to those users’ accounts. This was our mistake; it wasn’t due to a third party and you weren’t hacked. 

Quindi un problema ha impedito al sistema di eliminare completamente alcuni file o cartelle, cercando di risolvere il problema hanno, erroneamente, reso visibili quei file che dovevano esser eliminati. Il problema, ad ogni modo, è stato risolto tempestivamente.
Ovviamente questo pone l’accento sulla sicurezza di questi servizi: non salviamo al loro interno file particolarmente delicati o importanti, visto che non si è mai certi della loro cancellazione al 100%, invece se possibile salviamo due o più copie in diversi hard disk o DVD, sempre in base alla mole di dati da salvare. 
Elvis

Elvis

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: