ATM e Sportelli automatici: quanto sono sicuri e a cosa stare attenti

Tempo di lettura: 2 minuti

Gli sportelli automatici o ATM, sono presenti nella vita di ognuno di noi, chi non preleva del contante dal proprio c/c con la comodità di non recarsi in filiale ed evitare lunghe code? Molti di noi lo fanno, in questo articolo vorrei raccontare un po’ la loro storia e mettere in guardia verso alcuni pericoli che possono nascondersi nell’utilizzo di questo importante strumento.

 

Un po’ di storia

Gli sportelli automatici (chiamati erroneamente Bancomat, dal nome del più grande circuito di prelievo che usa gli ATM) vengono introdotti 49 anni fa, ovvero il 27 giugno 1967, nella zona Nord di Londra presso una filiale della Barclays Bank. Per vederli in Italia dovremmo attendere fino al 1976 quando la Cassa di Risparmio di Ferrara ne installò uno nella propria filiale della città omonima (Fonte: Wikipedia). Di seguito potete vedere un video che spiega il metodo di costruzione di uno sportello automatico:

 

La situazione oggi

Oggi siamo arrivati ad una base installata di circa 3 milioni di unità e viene stimato che ogni giorno ne vengono installati più di 250 in tutto il mondo. Questi sportelli montano molto spesso sistemi operativi embedded basati su windows XP, sistema operativo obsoleto e non più aggiornato da Microsoft, alcuni sportelli sono stati aggiornati ed utilizzano sistemi operativi più recenti come Windows 7 (il corsivo è voluto). Oggi questi strumenti sono presi di mira da parte di criminali i quali con svariati metodi cercano di sfruttarli o manometterli per:

 

  • eseguire dei veri e propri furti facendo sputare letteralmente i soldi allo sportello
  • installare dei malware per intercettare i dati delle carte e clonarle, rivendendo poi i dati o utilizzandoli per eseguire dei prelievi fraudolenti.
Molto spesso, la manomissione degli sportelli avviene nel weekend, ove le filiali bancarie solitamente sono chiuse. I metodi possono esser vari, come ad esempio l’installazione di tastiere o apposite macchine di lettura scheda, addirittura di webcam o microcamere che possono intercettare il PIN utilizzato con il bancomat. Metodi più avanzati comportano l’installazione di malware il quale permette l’intercettazione dei dati da remoto tramite la rete internet. Ora, quindi, cerchiamo di capire come fare per difenderci
 

Cosa fare 

 
Ci sono piccoli accorgimenti che possono aiutarci e prevenire eventuali problemi o situazioni spiacevoli, ovvero:
 
  • quando ci rechiamo presso uno sportello bancomat, controlliamo che non ci siano persone nelle vicinanze o con atteggiamenti sospetti.
  • verificare accuratamente lo sportello, se vediamo delle cose strane o “fuori posto” cerchiamo un altro sportello bancomat, in particolare se siamo nel weekend
  • quanto inseriamo il codice PIN copriamolo con una mano, in modo da evitare sguardi indiscreti o proteggere il codice da eventuali webcam installate
  • se possibile, usare un bancomat che sia al coperto, come ad esempio quelli di Banca Intesa
Di seguito un interessante video che aiuta a capire come riconoscere un “bancomat” truffa:
 
Per chi conosce l’inglese un interessante spunto da parte dell’FBI (del lontano 2011)

Fonte parziale e spunto per l’articolo: ATM security: Are cash machines really that secure?
Elvis
Seguimi
(Visited 396 times, 1 visits today)

Elvis

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!