Smart TV e Skynet: siamo sorvegliati?

Non sto raccontando la trama di un film fantascientifico, non c’è nessuna macchina senziente che vuole distruggere l’umanità…(almeno per ora), sto per spiegare, o almeno provarci, le conseguenze che può avere tutta la tecnologia e come può essere utilizzata oggi, anzi come E’ utilizzata oggi.

Sappiamo molto bene che da diverso tempo sono disponibili le SMART TV, o meglio le TV INTELLIGENTI, con riconoscimento vocale e facciale grazie a microfono e webcam integrati.
Molti penseranno: che innovazione! comoda e pratica grazie al riconoscimento vocale, così non servirà nemmeno usare il telecomando o alzarsi per prenderlo.

Certo, tutto vero, ma avete mai pensato le implicazioni per la nostra privacy?

Andando a spulciare la privacy relativa agli Smart TV di Samsung, ci accorgiamo che le nostre interazioni vocali sono condivise con soggetti terzi, come leggiamo:

 To provide you the Voice Recognition feature, some interactive voice commands may be transmitted (along with information about your device, including device identifiers) to a third-party service provider (currently, Nuance Communications, Inc.) that converts your interactive voice commands to text and to the extent necessary to provide the Voice Recognition features to you. 

Tutto corretto, sembra. Ma teniamo conto del fattore “esterno”, ovvero un software di questo tipo potrebbe esser manomesso facilmente da personale “esperto” (chiamato volgarmente hacker) e, senza che ci accorgiamo, esser spiati; o ancora queste funzionalità potrebbero essere usate per indirizzare la pubblicità in base alle nostre preferenze (proprio come avviene con i “biscotti” online).

Bene, tutto questo è avvalorato da un documento risalente al 2011-2012 (all’epoca ci fu lo scandalo relativo a Snowden) ove viene alla luce un programma attuato in Pakistan ove venivano “monitorati” più di 55 milioni di persone grazie ai loro telefonini, allo scopo di individuare probabili terroristi. Un programma nato e rimasto segreto.

Tenendo conto di quello che è venuto fuori fino ad ora, viene da porre delle domande oggi: con tutta la tecnologia disponibile come gli orologi “smartwatch”, smartphone, tablet, computer, domotica, macchine che si guidano da sole…. potenzialmente quale pericolo può nascondersi?

Fonte per alcuni dati: DataBreachToday

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *