Home Microsoft Aggiornamenti Aprile 2022: Problemi con Windows Server 2022 e Edge in Windows 10/11

Aggiornamenti Aprile 2022: Problemi con Windows Server 2022 e Edge in Windows 10/11

da Alvise C.
0 commenti

Non è la prima volta che accade: secondo alcune segnalazioni (come riporta Borncity) gli aggiornamenti rilasciati il 12 aprile hanno provocato alcuni problemi in Windows Server, nello specifico l’impossibilità di usare i servizi di Desktop Remoto. E anche i sistemi operativi “consumer” sono interessati da alcuni problemi come il mancato avvio di Chrome, Edge o Firefox, vediamo cosa succede.

Windows Server 2022: Aggiornamento importante per l’SMBv3

La kb rilasciata interessava la correzione di una vulnerabilità relativa l’SMBv3 che permetteva l’esecuzione di codice arbitrario da remoto.

Il problema è che dopo l’installazione della KB in oggetto, i seguenti servizi risultano danneggiati o mancanti:

  • ‎Gestore connessione Desktop remoto‎
  • ‎Amministrazione Desktop remoto‎

Sembra che attualmente non ci sia una vera e propria soluzione, se non quella di re-installare i ruoli/servizi mancanti o danneggiati. Restiamo in attesa che Microsoft corregga il problema, non appena ci saranno novità aggiorneremo l’articolo.

Windows 10/11: problemi con l’avvio di Microsoft Edge

I problemi non sono finiti perché con gli ultimi aggiornamenti sono sorti dei problemi anche in ambiente Windows 10 e Windows 11, infatti, a causa dell’incompatibilità sopravvenuta con alcuni antivirus terzi, browser come Edge, Chrome o Firefox non si avviano mostrando questo errore:

The application was unable to start correctly (0xc0000022). Click OK to close the application”

Secondo alcuni test ed investigazioni in merito sembra che la causa sia correlata con il prodotto di sicurezza Eset, infatti gli utenti che riscontrano il problema usano questo prodotto di protezione.

E’ strettamente correlato, comunque, con la funzionalità di Browser Sicuro in uso nel software antivirus, ESET per ora suggerisce di:

Questo in attesa che il problema venga risolto da parte di Eset con un aggiornamento correttivo per il proprio prodotto di sicurezza.

Non perdere questi contenuti:

Lascia un commento