Bloccato il rilascio della versione 1809 di Windows 10

Tempo di lettura: 2 minuti

Avevamo sentito già di alcuni problemi ma sembra che uno di questi sia particolarmente grave: infatti in alcune configurazioni e per alcuni utenti l’aggiornamento ha eliminato alcuni file, destando perplessità e preoccupazione tra gli utenti. 

Per questo motivo Microsoft ha bloccato l’aggiornamento per investigare su questo problema. 

Rimossi link e download ufficiali

Attualmente, oltre ad esser stato rimosso da Windows Update, sono stati rimossi i link per scaricare le ISO e con il Media Creation Tools non viene scaricata la versione 1809, bensì quella precedente. 

Microsoft ha pubblicato inoltre una pagina ufficiale con tutti i riferimenti utili al caso, di cui estrapoliamo la seguente immagine:

E’ importante sottolineare che l’aggiornamento 1809 fino a ieri era disponibile tramite il download manuale: quindi tramite il controllo manuale con Windows Update o con l’ausilio del Media Creation Tools. 

I problemi rilevati

Come anticipato ad inizio articoli sono stati diversi i problemi riscontrati con questa release, il più grave riguarda l’eliminazione dei file o cartelle dell’utente.

La seconda, come riportano alcuni utenti, è il malfunzionamento del Task Manager (o Gestione Attività) che riportavano valori sballati in merito l’utilizzo della CPU.

Microsoft sta investigando sul problema e, dopo aver risolto questi problemi, renderà nuovamente disponibile il download della versione 1809. 

Altri articoli inerenti l’October Update:

Leggi  FIX: Come ripristinare il sistema dopo aggiornamenti problematici
Elvis
Seguimi
(Visited 282 times, 1 visits today)

Elvis

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!