Chrome: come rendere più veloce il caricamento delle pagine

Google ha introdotto due interessanti funzionalità, la prima è sicuramente più interessante e funzionale per gli utenti finali, infatti è inerente il velocizzare il caricamento delle pagine web. 

Abilitiamo il “Lazy Loading” in Chrome

La versione stabile che attualmente è la 68 permette di abilitare la voce “Enable Lazy Frame Loading” che consente di posticipare il caricamente di alcuni parti della pagina web che stiamo visualizzando,  rendendone così più veloce il caricamento.

Nella versione Beta (la 69 o la 70) è invece possibile abilitare anche la voce “Enable Lazy Image Loading” che posticipa, nel caricamento, anche le immagini. Quest’ultima funzionalità sarà introdotta nelle prossime versioni stabili di Chrome. 

Ad

Queste voci sono abilitatili digitando nella barra degli indirizzi chrome://flags

Vediamo ora un altra voce inerente la User Interface, attivabile per ora solo nelle versioni Beta (69 e 70)

Abilitiamo la nuova UI di Chrome

In parte abbiamo già parlato di questa nuova UI su cui Google sta lavorando, infatti è già possibile abilitare il Material Design in Chrome, ora vedremo come abilitare tutte quelle novità introdotte per la nuova UI che verrà nelle prossime versioni di Chrome. 

Sempre accedendo alla pagina chrome://flags possiamo abilitare la voce “Use all upcoming UI features” la quale abilita le nuove peculiarità della UI che, ricordiamo, sarà rilasciata nella versione stabile con le prossime versioni.  

Seguimi

Elvis

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica.

In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino.

In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.
Elvis
Seguimi
(Visited 259 times, 1 visits today)
Ad
Leggi  FIX: Percorso Desktop non disponibile dopo aggiornamento alla versione 1803

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *