Carta D’imbarco: è saggio pubblicarne le foto sui social? KrebsOnSecurity suggerisce di no

Tempo di lettura: < 1 minuto
Il famoso sito KrebsOnSecurity porta in evidenza un aspetto molto importante: avete presente la carta d’imbarco? Quella che si utilizza quando si prende l’aereo o simili? 
 
 
 

Bene, provate a fare una ricerca su Instagram con le parole chiave “Cartadimbarco” o “BoardingPass“: per la prima verranno restituiti 280 post, per la seconda ben 91.848 post! 

Ok, niente panico. Cerchiamo di capire intanto cos’è esattamente una carta d’imbarco, Wikipedia indica queste definizione:

 

Sulla carta d’imbarco è indicato il nome, il cognome, la provenienza e il numero del volo, il numero del gate d’imbarco….La carta d’imbarco, inoltre, è personale, nominale e non cedibile. Essa viene verificata, insieme al documento d’identità, anche quando si passa attraverso le postazioni di sicurezza

 

Nella carta d’imbarco, quindi, oltre ai nostri dati personali possiamo trovare dati aggiuntivi come il PNR e molto altro ancora sul volo che prenderemo, gate ecc ecc. Il PNR è un codice di 6 cifre (caratteri e numeri) che consiste in una password temporanea fornita dal vettore.

Inoltre, da una foto è possibile recuperare il codice QR (quello che scansionano prima di salire nell’aeromobile) dal quale è possibile estrapolare moltissimi altri dati, cosa che potrebbe permettere ad un malintenzionato di accedere con i nostri codici nel portale del vettore aereo e, volendo, vedere modificare o addirittura cancellare i nostro voli o prenotazioni.  

Non rimane quindi affermare che non è buona cosa postare foto del nostro biglietto aereo in un social network come di qualsiasi altra cosa che contiene, potenzialmente, nostri dati personali. 

 
Approfondimenti: Krebs on Security
Elvis
Seguimi
(Visited 79 times, 1 visits today)
Leggi  Come mantenere aggiornate tutte le applicazioni installate con un click

Elvis

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!