Akamai pubblica report sulla stato attuale della sicurezza internet

Tempo di lettura: < 1 minuto
Akamai, azienda leader mondiale nel suo settore, fornisce una piattaforma per la distribuzione di contenuti via Internet ed ha tra i propri clienti tantissimi marchi come Apple, Microsoft, Amazon, Ebay, Facebook, la casa bianca ecc cosa che le permette di avere una chiara idea in merito lo stato di sicurezza internet, infatti ha pubblicato un report che mette in evidenza alcuni dati importanti in merito. 


Alcune criticità sono emerse, ovvero:

  • è tornato in uso una tecnica di attacco di qualche tempo fa, la PBOT la quale essenzialmente è una mini-DDOS botnet (che fa uso di codice PHP) capace di lanciare un attacco con potenza fino a 75 Gbps/s usando solo 400 nodi, come evidenziato in un attacco rilevato da Akamai
  • dati statistici in merito l’attacco MIRAI dimostrano come gli attacchi siano stati mirati verso alcuni obiettivi, infatti singole botnet sono state utilizzate contro attacchi verso obiettivi specifici, usando moltissimi dispositivi IoT infetti. 
Il paese dal quale sono partiti il maggior numero di attacchi DDOS risulta esser l’Egitto con 44.198 IP, i bersagli preferiti sono state piattaforme di Gaming e di Software-Tecnology.
E’ possibile scaricare il file PDF del report di Akamai e consultarlo dal proprio dispositivo per approfondire i molteplici argomenti inerenti la sicurezza internet. 
Non conosci alcuni termini specifici? Leggi il nostro glossario!
Elvis
Seguimi
(Visited 100 times, 1 visits today)

Elvis

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!