Come aggiornare gratis da Windows 10 a Windows 11

Come aggiornare gratis da Windows 10 a Windows 11

Windows 11 è arrivato: finalmente è possibile installarlo. I mezzi con cui è possibile ricevere il nuovo sistema operativo sono due, ovvero Windows Update o attraverso lo strumento manuale di Aggiornamento.

Primo metodo: Windows Update

Lo strumento più semplice, che richiede la minima interazione da parte dell’utente, è attraverso Windows Update. Infatti, installando Windows 11 con questo strumento, dovremmo solo verificare ogni tanto se ci viene proposto.

Logicamente Microsoft sta rilasciando per gradi il sistema operativo, quindi potrebbe volerci più tempo per riceverlo. Oltre al fatto che dobbiamo essere sicuri di aver installato tutti gli aggiornamenti disponibili per Windows 10 fino a quel momento.

Questo metodo è quello più indicato, in particolare se non siamo sicuri di soddisfare appieno i requisiti richiesti da Microsoft.

Se invece siamo sicuri di rispettare tutti i requisiti, possiamo provare il metodo manuale. Vediamo in che modo.

Secondo Metodo: Installazione Manuale

Il secondo metodo, sicuramente più veloce, è quello di usare lo strumento di aggiornamento manuale chiamato anche Assistente all’aggiornamento.

Leggi anche  Microsoft ammette di aver aggiornato per sbaglio alcuni computer alla versione 1709

Prima di tutto è necessario soddisfare i requisiti di Windows 11 che vogliamo ricordare di seguito:

ProcessoreAlmeno 1 gigahertz (GHz) con 2 o più core su un processore a 64 bit compatibile o System on a Chip (SoC).
RAM4 gigabyte (GB).
Spazio di archiviazioneDispositivo di archiviazione da almeno 64 GB Nota: Per i dettagli vedi in “Ulteriori informazioni sullo spazio di archiviazione per aggiornare Windows 11”.
Firmware del sistemaCompatibile con UEFI, Avvio protetto. Cerca qui informazioni su come configurare il PC in modo che soddisfi questo requisito.
TPMTrusted Platform Module (TPM) versione 2.0. Cerca qui istruzioni su come configurare il PC in modo che soddisfi questo requisito.
Scheda videoCompatibile con DirectX 12 o versione successiva con driver WDDM 2.0.
SchermoSchermo ad alta definizione (720p) con una diagonale maggiore di 9 pollici, 8 bit per canale di colore.
Connessione Internet e account MicrosoftWindows 11 Home richiede la connettività Internet e un account Microsoft.
Anche per uscire dalla modalità S di Windows 11 Home è necessaria la connettività Internet. Scopri di più sulla modalità S qui.
L’accesso a Internet è necessario per tutte le edizioni di Windows 11, per l’esecuzione degli aggiornamenti, il download e l’utilizzo di alcune funzionalità. Per alcune funzionalità è necessario un account Microsoft.
Requisiti forniti direttamente da Microsoft

Per controllare accuratamente di rispettare questi requisiti utilizzare l’app Controllo Integrità PC oppure altri strumenti indicati qui.

Oltre a questo consigliamo di fare un salvataggio dei nostri dati in un disco esterno oppure, al limite, nel cloud come Onedrive o Gdrive, sarebbe anche opportuno (per fini di ripristino) creare un immagine completa del sistema.

Per iniziare l’aggiornamento scaricare questo strumento, quindi seguire le istruzioni a video, come da seguenti immagini:

Leggi anche  Come aggiungere Clippy a Microsoft Teams

Al termine della procedura, si avvierà Windows 11 dove ci chiederà di configurare le impostazioni inziali del sistema, al primo accesso il sistema si attiverà in automatico utilizzando la licenza regolarmente licenziata di Windows 10 che è uno dei pre-requisiti per poter aggiornare correttamente a Windows 11.

Se utilizziamo il computer in ambito aziendale o comunque per utilizzi lavorativi NON è consigliato aggiornare subito, infatti potrebbero ancora esserci problemi di gioventù del sistema operativo, cosa che potrebbe non renderlo del tutto affidabile per utilizzo intensivo e quotidiano.

Logicamente sta ad ognuno fare le proprie valutazioni in merito, condizionate anche dall’anzianità del computer e delle sue caratteristiche hardware.

Altri articoli su Windows 11:

Leggi anche  Microsoft PowerToys, cos’è e come usarlo

Condividi questo articolo:

Alvise C.

Alvise C.

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue. Per info: [email protected]

Lascia un commento