NAS Qnap e Synology sotto attacco dal Ransomware eCh0raix

NAS Qnap e Synology sotto attacco dal Ransomware eCh0raix

Il Computer Security Incident Response Team ha pubblicato un alert in merito un attacco in corso verso i NAS Qnap e Synology, veicolante il ransomware eCh0raix.

Questo ransomware non è nuovo, infatti si tratta di una versione rivisitata che lo rende più pericoloso. Il ransom in questione prende di mira le aziende medio piccole, i liberi professionisti e gli autonomi, quindi le categorie che attualmente stanno soffrendo di più a causa della pandemia.

In passato proprio Qnap aveva subito un attacco che veicolava il medesimo ransomware.

Per Qnap vulnerabilità critica sfruttata, Synology attacco Brute-Force

Per Qnap viene sfruttata una vulnerabilità che riguarda una errata implementazione delle autorizzazioni di sicurezza inerenti il software Hybrid Backup Software 3.

Per Synology invece viene usato un attacco brute-force mirato verso gli account amministratori, dopo aver “bucato” l’account viene quindi veicolato il ransomware.

Ricordiamo che Synology è già sotto-attacco da parte di una rete botnet, probabilmente parte di quell’attacco riguarda quello evidenziato oggi.

Leggi anche  Campagne phishing sfruttano vulnerabilità DDE di Word

Le versione Qnap affette sono:

  • QTS 4.5.2: HBS 3 versioni precedenti alla 16.0.0415
  • QTS 4.3.6: HBS 3 versioni precedenti alla 3.0.210412
  • QTS 4.3.3 and 4.3.4: HBS 3 versioni precedenti alla 3.0.210411
  • QuTS hero h4.5.1: HBS 3 versioni precedenti alla 16.0.0419
  • QuTScloud c4.5.1~c4.5.4: HBS 3 versioni precedenti alla 16.0.0419

Qnap consiglia di aggiornare l’HBS 3 all’ultima versione disponibile, oltre a seguire altre indicazioni inerenti la sicurezza. Per synology seguire le raccomandazioni che abbiamo indicato in questo articolo.

Alvise C.

Alvise C.

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.