Microsoft lancia il Zero Trust Deployment Center

Microsoft lancia il Zero Trust Deployment Center

La Zero Trust è un modello di gestione della sicurezza di rete che presuppone che la rete interna sia già compromessa e che lavora per proteggere i dati aziendali di valore nonostante questo.

Microsoft spiega il modello di protezione di Zero Trust come tale:

Instead of assuming everything behind the corporate firewall is safe, the Zero Trust model assumes breach and verifies each request as though it originates from an open network. Regardless of where the request originates or what resource it accesses, Zero Trust teaches us to “never trust, always verify.” Every access request is fully authenticated, authorized, and encrypted before granting access. Microsegmentation and least privileged access principles are applied to minimize lateral movement. Rich intelligence and analytics are utilized to detect and respond to anomalies in real time.

Il modello è venuto alla ribalta con la pandemia, a causa di così tante persone che lavorano in remoto, e ora Microsoft ha lanciato il suo Centro di distribuzione di Zero Trust per aiutare le aziende in transizione a questo nuovo modo di lavorare.

In poche parole, si tratta di un insieme di documentazione che si adeisce ai dettagli su come implementare i principi di attendibilità zero, la creazione di infrastrutture, rete, dati e preparazione all’ambiente, tra le altre cose. Microsoft afferma di aver garantito che questo repository di informazioni contiene indicazioni sulla distribuzione di attendibilità zero in obiettivi a livello semplice ed azioni per facilitare la configurazione dell’ambiente. Per le organizzazioni che già implementano modelli di sicurezza con attendibilità zero, questo repository sarà utile per determinarne lo stato di avanzamento.

Leggi  Come risolvere i problemi di Microsoft Outlook

Le linee guida sono utili anche come archivio di conoscenze per le organizzazioni che hanno implementato modelli di protezione con attendibilità zero, per valutare i loro progressi, utilizzando qui lo strumento di valutazione di Microsoft .00.

Coloro che pensano di implementare il modello possono consultare le linee guida di Microsoft qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *