Microsoft ha riconosciuto un problema con la funzione del Ripristino del PC

Microsoft ha riconosciuto un problema con la funzione del Ripristino del PC

Nelle scorse ore Microsoft ha segnalato un problema con la funzione di ripristino del PC in Windows 10. Ma vediamo di cosa si tratta.

Problemi con Ripristina il PC

La funzione di Ripristio del PC in Windows 10 consente di ripristinare il sistema operativo alle impostazioni di fabbrica, che possono risolvere problemi di prestazioni, uso eccessivo della RAM, consumo rapido della batteria e altro. Inoltre, per il ripristino, è possibile utilizzare sia un’immagine locale del sistema che i file scaricati dai server Microsoft.

Tuttavia, per alcuni utenti di Windows 10 May 2020 Update (versione 2004), questa funzionalità non funziona al momento. Durante il processo di ripristino delle impostazioni, il sistema restituisce semplicemente un errore “Si è verificato un problema durante il riavvio del computer. Non sono state apportate modifiche. ” Però Microsoft ha riconosciuto questo problema, rilevando che riguarda solo alcune configurazioni del dispositivo.

Se riscontri questo problema durante l’aggiornamento di Windows 10 May 2020 (versione 2004), segui questi passaggi:

  1. Apri Esegui facendo Win + R;
  2. Digita “Prompt dei comandi”;
  3. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla voce “Prompt dei comandi” e selezionare “Esegui come amministratore” .
Microsoft признала проблему с работой функции «Вернуть компьютер в исходное состояние» в Windows 10
  1. Nella finestra che si apre, digita il seguente comando e premi Invio :
dism /online /cleanup-image /restorehealth
  1. Attendi il completamento del processo;
  2. Al termine riavvia il tuo computer.

Dopo questi passaggi, la funzione “Ripristina il computer allo stato originale” dovrebbe funzionare correttamente. È interessante notare che il problema sembra interessare solo gli utenti dell’aggiornamento di maggio 2020 e non compare nell’aggiornamento di ottobre 2020, sebbene entrambe le versioni del sistema siano basate sulla stessa base di codice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *