Intervista a Phil Spencer – tutto quello che c’è da sapere

Intervista a Phil Spencer – tutto quello che c’è da sapere

Il capo di Xbox, Phil Spencer ha rilasciato una grande intervista al portale Kotaku, in cui ha parlato delle console di gioco Xbox Series X e S, dell’acquisto di Bethesda, dello sviluppo di Halo Infinite, della partnership con Nintendo, dello sviluppo del servizio cloud Project xCloud e molto altro ancora. Ma vediamo di cosa si tratta.

Xbox Serie X e Xbox Serie S

Phil Spencer ritiene che nel periodo pre-Capodanno l’azienda sarà in grado di vendere tutte le copie di entrambe le console, che saranno in grado di consegnare ai negozi. E la domanda supererà l’offerta di pre-ordini. In futuro, il prezzo delle console giocherà un valore maggiore, e la Xbox Series S probabilmente venderà meglio.

Per quanto riguarda la concorrenza con PlayStation, secondo Spencer, la catena di fornitura avrà un impatto più forte sulla quota di mercato di qualsiasi altra cosa.

Prestazioni di entrambi i modelli Xbox

Alcuni sviluppatori di giochi sono preoccupati che 10GB di RAM nella Xbox Series S non saranno sufficienti per i giochi di nuova generazione. Phil Spencer non pensa che ci sia qualcosa di cui preoccuparsi. Gli sviluppatori possono creare incredibili giochi per PC che scalano in base all’hardware del dispositivo.

Naturalmente, su dovrà lavorare per ottimizzare i giochi per Xbox Series X e S, ma non dovrebbero esserci problemi. Spencer ha anche notato che alcuni giochi Xbox Series S vengono scaricati più velocemente di Xbox Series X perché utilizzano grafica a bassa risoluzione.

Leggi  Il nuovo Store per Xbox

Poche persone saranno disposte ad acquistare entrambe le console per 500 dollari, quindi i giocatori sceglieranno sicuramente tra PlayStation 5 e Xbox Series X. E se scelgono PlayStation 5, Xbox Series S potrebbe essere un’opzione molto interessante.

Trattare con zeniMax

Nel mese di settembre, Microsoft ha annunciato l’acquisto di zeniMax, la casa madre di Bethesda, Id Software e altri studi che hanno aderito Xbox Game Studios. Microsoft ha anche ottenuto i diritti di franchising come Fallout, The Elder Scrolls, Doom e altri. L’editore di Kotaku chiese a Spencer se poteva recuperare l’investimento di 7,5 miliardi di dollari se, ad esempio, l’anziano Scrolls VI non fosse stato venduto per PlayStation.

Phil Spencer ha detto di sì, ma ha aggiunto che l’accordo non era quello di togliere le partite ad altri giocatori. L’azienda vuole che il maggior numero possibile di persone sia in grado di giocare. “Quando penso a dove le persone stanno andando a giocare e il numero di piattaforme che supportiamo, tra cui xCloud, PC, Game Pass e la nostra base di console, non abbiamo bisogno di rilasciare questi giochi su qualsiasi altra piattaforma diversa da quello che supportiamo per rendere questo affare redditizio per noi. Qualunque cosa significhi.

In poche parole, la decisione di rilasciare i futuri giochi dagli studi di zeniMax su altre piattaforme sarà presa individualmente per ogni progetto.

Halo Infinito

Halo Infinite doveva essere una versione di lancio importante su Xbox Series X e S, come accennato sia dal packaging console di vendita al dettaglio e adware. Tuttavia, il rilascio del gioco è stato rinviato al 2021, ed è successo un mese dopo la dimostrazione del gameplay.

Leggi  Age of Empires: Definitive Edition rimandato

Phil Spencer ha notato che ha interpretato Halo Infinite solo una settimana fa, ma non è ancora pronto a parlare delle nuove date di uscita. Non ci sono anche date di rilascio per altri giochi promessi per la prossima generazione, tra cui Everwild da Rare, la nuova parte Fable di Playground Games e la porta console di Microsoft Flight Simulator.

Microsoft può rilasciare una campagna Halo Infinite e multiplayer in tempi diversi? Tale possibilità esiste, ma, come ha detto Spencer, la decisione sarà presa dal capo della serie Halo Bonnie Ross e dal suo team.

Supporto per Xbox One

Un altro aspetto interessante del prossimo ricambio generazionale delle console è il desiderio di Microsoft e Sony di rilasciare giochi non solo per le nuove, ma anche per le console più vecchie.

Microsoft inizialmente ha dichiarato che la maggior parte dei giochi Xbox Series X e S sarebbe stata rilasciata su Xbox One, e quindi ci saranno circa due anni. In realtà, tuttavia, le cose non erano del tutto giuste, e giochi come Everwild, State of Decay 3, Fable, Forza Motorsport e Avowed saranno rilasciati solo su PC e Xbox Series X’S.

Sony sembrava seguire il tradizionale approccio generazionale, ma poi ha annunciato inaspettatamente l’uscita di Miles Morales: Spider-Man e Horizon Forbidden West sia per PS5 che per PS4.

Phil Spencer osserva che la decisione di rilasciare il gioco per l’attuale generazione di console viene presa caso per caso. “Quando parliamo di un paio di anni, guardiamo la nostra tabella di marcia dei rilasci e ciò che stiamo sviluppando, ed è così che vediamo la situazione. Quindi cerchiamo solo di essere trasparenti in modo che la gente capisca quali giochi verranno rilasciati per l’ultima generazione.”

Leggi  Più di 150 giochi saranno disponibili al lancio di Xbox Cloud Gaming

Collaborazione con Nintendo

L’azienda ha un buon rapporto con Nintendo. Spencer ritiene che ci sia sinergia tra di loro nel tentativo di garantire la crescita attiva del mercato. Tuttavia, Microsoft non prevede di rilasciare più giochi su piattaforme che non dispongono di un ecosistema Xbox che coinvolge Xbox Live e Xbox Game Pass. E altre piattaforme non sono molto interessate a una Xbox a tutti gli effetti sui loro dispositivi.

L’iniziativa di rilasciare Ori e la volontà dei Wisps su Nintendo Switch è arrivata dagli sviluppatori del gioco, e Microsoft ha deciso di sostenere la loro idea. Tuttavia, vale la pena notare che Moon Studios non è di proprietà di Microsoft.

Progetto xCloud

Cloud Gaming Con Xbox Game Pass (precedentemente Project xCloud) è già disponibile su dispositivi Android e sarà disponibile su PC e iOS in futuro.

In un’intervista, Phil Spencer ha confermato che l’azienda intende lanciare il servizio su console Xbox One, che permetterà ai proprietari dell’attuale generazione di console di giocare a giochi di nuova generazione senza acquistare una nuova console. Questo avvicinerà le generazioni. Ma prima di tutto, l’azienda intende lanciare il servizio su PC e iOS, e solo allora per trattare con Xbox One.

“Non credo che saranno anni. È solo un lavoro da fare. E sappiamo come farlo”, ha detto Spencer.

fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!