Entro il 2030, Microsoft intende ricostituire più acqua dolce di quanto consuma

Entro il 2030, Microsoft intende ricostituire più acqua dolce di quanto consuma

Microsoft ha annunciato l’intenzione non solo di ridurre il consumo di acqua dolce entro il 2030, ma anche di ricostituire le riserve idriche.

Questo è il quarto annuncio nell’ambito dell’iniziativa ambientale globale dell’azienda. Microsoft ha annunciato in precedenza l’intenzione di passare a emissioni di carbonio negative e zero rifiuti entro il 2030.

Per quanto riguarda l’annuncio in corso, l’azienda si concentrerà su circa 40 serbatoi che si trovano nella zona ad alto rischio, vale a dire quelli in cui il livello di sequestro dell’acqua è superiore del 40% rispetto al possibile livello di recupero delle risorse.

Microsoft prenderà una serie di misure per ripristinare le forniture idriche. Ad esempio, in un nuovo campus nella Silicon Valley che aprirà entro la fine dell’anno, l’azienda installerà un sistema di raccolta dell’acqua piovana e un impianto di riciclaggio per consentire la produzione di tutta l’acqua non potabile nel campus.

Microsoft prevede inoltre di utilizzare l’acqua piovana, che consentirà di risparmiare fino a 22 milioni di litri di acqua all’anno. L’Arizona Data Center, che aprirà nel 2021, utilizzerà un sistema di raffreddamento adiabatico che utilizza aria al posto dell’acqua.

Inoltre, Microsoft sta lavorando con un certo numero di organizzazioni della comunità, come Water.org, sosterrà una serie di progetti nell’ambito del programma di sovvenzione AI per la Terra e investirà 10 milioni di dollari in Emerald Technology Ventures (un fondo per l’innovazione per la conservazione dell’acqua). Ha anche annunciato l’adesione al Center for the Fourth Industrial Revolution, in cui Microsoft lavorerà alla creazione di una piattaforma open source Ocean Data Platform, progettata per contribuire a creare soluzioni per la protezione degli oceani del mondo.

Leggi  Windows 10 ti avvertirà quando le app verranno avviate automaticamente

fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!