Ecco i consigli dell'FBI per mettere in sicurezza una Smart TV

Tempo di lettura: < 1 minuto

Le Smart TV fanno parte ormai della nostra vita: in ogni casa almeno c’è ne’ una, oltre al fatto che nel periodo natalizio gli acquisti di questo tipo di TV aumenta considerevolmente. Vediamo i consigli suggeriti dall’FBI (Federal Bureau of Investigation) per metterle in sicurezza.

Dispositivi sempre connessi

Riflettendo attentamente sui servizi che offre una TV si può capire che, in caso di compromissione da parte di terzi, potrebbe veramente spiarci a 360 gradi.

Infatti la maggior parte delle Smart TV sono dotate di microfono, sono sempre connesse ad internet e, diverse, hanno una videocamera integrata utilizzata per il riconoscimento facciale.

Oltre a questo danno la possibilità di installare molteplici app di streaming ma, non solo, anche di messaggistica come Skype e simili.

Come metterla in sicurezza?

Vediamo ora i consigli dati dall’FBI in merito:

  • conoscere nei dettagli le caratteristiche della TV in possesso o che si vuole acquistare, in modo da aver chiaro in mente quali “rischi” o pericoli possono esserci
  • se possibile, modificare la password di accesso della TV. Solitamente si tratta di un codice PIN, utilizzarne uno che non sia la propria data di nascita
  • capire se è possibile disabilitare il microfono, la videocamera e la raccolta dei dati personali del sistema operativo installato nella TV. In caso negativo è possibile acquistare dei piccoli accessori per coprire la webcam
  • controllare gli aggiornamenti per la TV, in alternativa controllare che sia abilitato l’aggiornamento automatico
  • verificare la raccolta dati svolta dal sistema operativo e dalle app installate per accertare come vengono conservati i dati e che tipo di dati vengono salvati
Leggi  ESET presenta la nuova linea di soluzioni di sicurezza per gli utenti privati

La pagina dedicata (e la fonte dell’articolo) dall’FBI è raggiungibile da qui

Elvis
Seguimi
(Visited 63 times, 1 visits today)

Elvis

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *