Ecco gli smartphone con le più alte radiazioni (e quelli con le più basse)

Tempo di lettura: 2 minuti

La salute è importante, ci sono diversi fattori che la possono influenzare come ad esempio l’ambiente in cui viviamo e le nostre abitudini. Fra queste come non annoverare gli smartphone? Fanno parte integrante della nostra vita, sono sempre vicino a noi.

Premettiamo che NON ci sono studi scientifici che affermano la pericolosità delle radiazioni emesse da uno smartphone, bensì ci possono essere dei limiti consigliati, come ad esempio il certificato denominato “Der Blaue Engel” emesso da un Istituto Tedesco che certifica SOLO i dispositivi con un tasso di assorbimento specifico inferiore a 0,60 Watt per Kilogrammo.

I dispositivi con le più alte radiazioni

Vediamo quindi ora la lista dei dispositivi che emettono più radiazioni, grazie alla lista elaborata da statista.com basata sul database del
Bundesamt für Strahlenschutz (Ufficio Federale Tedesco per le Radiazioni)

Ad

Fra questi troviamo alcuni marchi ricorrenti ovvero OnePlus e Xiaomi: infatti solo questi due produttori hanno 8 dispositivi sul totale che sono 16 device.

Oltre a questi troviamo due prodotti Apple (iPhone 7 e iPhone 8) e gli ultimi dispositivi Google (Pixel 3 e 3 XL).

Vediamo ora invece quelli con il livello di radiazioni più basse

I dispositivi con le più basse radiazioni

I dispositivi con le performance migliori in questo livello sono da assegnare sicuramente a Samsung che da sola ha 8 dispositivi tra i 16 totali. Da ricordare che nella lista precedente non c’era alcun dispositivo Samsung mentre Apple ne contava due.

Questi test sono stati eseguiti durante l’uso dello smartphone, ovvero durante una chiamata quando solitamente si avvicina il dispositivo all’orecchio.

Una possibile precauzione che può aiutare è quella di usare degli auricolari Bluetooth, che diminuiscono di molto le radiazioni con cui veniamo a contatto.

Leggi  Google raccoglie dati sulla posizione anche quando è disabilitata

Oltre a questo, è consigliabile mantenere a debita distanza il nostro smartphone durante la notte, in particolare se lo teniamo acceso collegato alla rete Wi-FI e alla rete dati.

Detto questo, vogliamo ribadire che NON ci sono studi scientifici che affermano la pericolosità delle radiazioni emesse da uno smartphone.

Fonte: The phones emitting the most radiation

Seguimi

Elvis

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica.

In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino.

In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.
Elvis
Seguimi
(Visited 120 times, 1 visits today)
Ad

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *