Crea un’allerta meteo per fare uno scherzo ai colleghi

Crea un’allerta meteo per fare uno scherzo ai colleghi

Durante lo scorso fine settimana, è stata rilasciato un allerta meteo da parte di siti d’informazione e di streaming. Fra questi siti, segnaliamo uno dei più visitati non solo nella Regione di riferimento (la Sardegna) ma, a quanto pare, a livello nazionale: www.alguer.it. Anche Canale 12, il sito ufficiale di un canale televisivo disponibile non solo online, ma anche sul digitale terrestre e su quello satellitare ha riportato la notizia.

La notizia diceva che oggi, lunedì 19 ottobre, sia ad Alghero sia a Sassari le scuole sarebbero rimaste chiuse. La causa? Un’allerta meteo di tipo arancione. Per entrambi i Comuni la comunicazione sarebbe stata fatta dai rispettivi sindaci. In effetti, oggi i cieli in questa zona sono scuri, MA … sì, c’è un MA.

Durante la mattinata, intorno alle 10,00, la redazione di Canale 12 ha comunicato che la notizia era un fake, cioè un falso. Il sindaco del Comune di Sassari ha comunicato che né lui né il sindaco di Alghero ha emanato l’allerta meteo, e neanche la Protezione Civile.

È stato un ventunenne studente universitario. Quando si è accorto che il suo scherzo, rivolto ai colleghi universitari, ieri era diventato una notizia ufficiale, ha chiamato il sindaco sassarese, scusandosi.

Il sindaco gli ha risposto su Facebook con parole molto forti (“Sei uno sciagurato”, ecc.)

La fake news potrebbe avere spinto migliaia di bambini e ragazzi a saltare la scuola (ma anche il personale scolastico). I danni economici per questo scherzo fatto online potrebbero essere davvero elevato, considerando che il territorio in questione conta circa 200.000 abitanti.

Dalle indagini fatte, il ragazzo ha creato almeno tre post su Facebook, che hanno iniziato a circolare immediatamente.

Questo è il potere del Web e dei social network. Le notizie circolano più velocemente dei fatti reali.

Fonte delle foto: Il quotidiano di Alghero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *