Annunciato lo standard WPA3 per le connessioni WIFI

Qualche mese fa era venuta alla ribalta la notizia relativa il protocollo WPA2, nel quale era stata individuata una grave vulnerabilità chiamata Krack – Key Reinstallation Attack che permetteva un attacco di tipo MitM. 

Da quel momento in poi lo standard WPA2 non era più sicuro, cosa che ha spinto il l’Alliance WiFi ad elaborare un nuovo protocollo chiamato WPA3 di cui sono stati resi noti alcuni dettagli. 

Le caratteristiche annunciate

Ci saranno quattro nuove peculiarità di questo protocollo, che sono:

Ad
  • Protezione contro attacchi Brute-Force: l’autenticazione WiFi viene interrotta dopo numerosi tentativi di accesso non riusciti 
  • Utilizzo di dispositivi WiFi vicini per configurazione IoT ecc: si potrà usare un tablet o uno smartphone per configurare le opzioni relative quei dispositivi senza schermo come quelli in ambito IoT ecc. 
  • Comunicazione Individuale crittografata: le comunicazioni tra ogni device ed il router saranno criptate individualmente 
  • Standard crittografico migliorato che garantisce secondo il vendor migliore protezione per tutti gli ambiti di utilizzo 

Il protocollo nuovo sarà disponibile, probabilmente, verso fine anno o nella seconda metà: per ora sembra che sarà necessario dotarsi di nuovi dispositivi per avvalersi di questa nuova tecnologia e che i vecchi modem-router non saranno aggiornabili. Vedremo se ci saranno novità in merito. 

Via: BleepingComputer.com

Seguimi

Elvis

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica.

In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino.

In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.
Elvis
Seguimi
(Visited 43 times, 1 visits today)
Ad
Leggi  Asus Live Update: come verificare se siamo infetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *