Google introduce un programma di protezione avanzato

Sappiamo che la sicurezza oggi è al centro di tutto, in particolare per chi svolge attività a rischio come ad esempio i giornalisti, politici e molte altre figure a contatto con informazioni sensibili e critiche. Per queste figura (ma non solo) Google ha introdotto un programma di protezione avanzato, utile per aumentare la sicurezza dei propri account online. 

Il programma da la possibilità di integrare con le possibilità di accesso al proprio account questi metodi di autenticazione: 

  • token di sicurezza per l’accesso fisico ad un computer 
  • alle app di terze parti viene escluso l’accesso agli account Gmail e Gdrive
  • abilitazione di ulteriori metodi di verifica dell’identità per evitare accessi fraudolenti all’account

Il token di sicurezza è una chiavetta USB compatibile con il protocollo FIDO U2F, se sul telefono deve trattarsi di un token di sicurezza compatibile con Bluetooth Low Energy (BLE) e con il protocollo FIDO U2F (Universal 2nd Factor). 

Ad

Un esempio di chiavetta USB U2F è il seguente:

[amazon_link asins=’B00NLKA0D8′ template=’ProductCarousel’ store=’angodiwind01-21′ marketplace=’IT’ link_id=’ea0f67f1-b424-11e7-9bb7-d178180d4b11′]

 

Il secondo aspetto implica che l’accesso a Gmail e Gdrive sarà esclusivo SOLO per le app di Google, quindi app terze come ad esempio Outlook o le app di iOS NON potranno in alcun modo accedere a questi servizi Google. Per l’accesso via web sarà possibile usare SOLO Google Chrome all’ultima versione aggiornata. 

Ulteriori informazioni sono disponibili nella pagina Google dedicata:

Programma di protezione avanzata

Seguimi

Elvis

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica.

In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino.

In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.
Elvis
Seguimi
(Visited 79 times, 1 visits today)
Ad

About Elvis

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *