Il governo del Regno Unito richiede le chiavi per la backdoor di Whatsapp

Il Regno Unito ha richiesto, dopo l’attentato terroristico di qualche giorno, le chiavi di criptazione o comunque l’accesso tramite back-door, a Whatsapp: questo perché il terrorista che ha compiuto la strage utilizzava il software di messaggistica istantanea, risultando addirittura attivo due minuti prima del fatto accaduto. 

whatsapp 2105023 1280 - Il governo del Regno Unito richiede le chiavi per la backdoor di Whatsapp

Per questo motivo, il governo ha dichiarato che le compagnie non devono fornire un “luogo nascosto o segreto” per le loro comunicazioni  e vogliono, quindi, l’accesso a queste chat in caso di estrema necessità come quella evidenziata in questi giorni. Non è stato indicato che verranno fatte modifiche legislative o addirittura nuove leggi, bensì sono stati invitati i maggiori attori in causa, come Whatsapp, Facebook, Google ecc. per poter risolvere il problema e trovare una soluzione a questi quesiti. 

Vedremo come si evolverà la situazione nei prossimi giorni.

Via: The Hacker News

profilo01 80x80 - Il governo del Regno Unito richiede le chiavi per la backdoor di Whatsapp
Seguimi

Elvis

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica.

In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino.

In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.
profilo01 80x80 - Il governo del Regno Unito richiede le chiavi per la backdoor di Whatsapp
Seguimi
(Visited 44 times, 1 visits today)
Ad

About Elvis

Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *