Petya Ransomware: temibile e diverso dai soliti ransom

Tempo di lettura: 2 minuti
Un “nuovo” ransomware, ormai da qualche giorno, sta mietendo vittime, soprattutto in Germania: si chiama Petya Ransomware.

Questo ransom lavora in modo totalmente diverso dal solito: infatti esso critta l’MBR del disco, impedendo di fatto l’accesso al sistema operativo. Vediamo di capire come avviene l’infezione

COME AVVIENE L’INFEZIONE

Come molto spesso accade, l’infezione avviene tramite un messaggio di SPAM, ove viene richiesto di scaricare un file tramite Dropbox. Una volta avviato questo file, comincerà l’operazione di infezione vera e propria: viene richiesto di riavviare il sistema, dopo il quale verrà mostrata una schermata dove viene eseguito un finto CHKDSK: durante questa operazione viene criptato l’MFT (Master File Tables) e sostituito il boot loader con uno malevolo. Una volta fatto questo, verrà mostrata una finestra con indicate le procedure di recupero dei propri dati crittati, come tutti gli altri ransomware.

Di seguito un video esplicativo (Fonte del video: Petya Ransomware skips the Files and Encrypts your Hard Drive Instead)


PREVENZIONE
come al solito, la prevenzione è sempre dettata dalle stesse regole, che riporto ad ogni post, ovvero:

  • Sistemi Operativi aggiornati
  • Programmi aggiornati
  • Firewall perimetrale con funzionalità UTM 
  • Firewall Endpoint. Quasi tutti gli antivirus lo integrano, ma nella stragrande maggioranza dei casi la funzionalità è disattivata
  • Antivirus aziendali centralizzati
  • Accesso alle risorse con credenziali di basso profilo (user). Moltissimi utenti sono amministratori di sistema/dominio senza una reale necessità e senza una consapevole idea del danno che possono arrecare
  • Password forti
  • Minimizzare le share di rete
  • Formazione degli utenti

  • Per approfondimenti leggere questi articoli:

    Elvis
    Seguimi
    (Visited 55 times, 1 visits today)

    Elvis

    Microsoft MVP Windows Expert dal 2011 fino al 2017 e dal 2017 Microsoft MVP Windows Insider. Google Certified e Comptia Security + Certified, ha scritto per WindowsBlogItalia e Windowsteca. Appassionato ed esperto dei sistemi Microsoft Windows e della sicurezza informatica. In caso di difficoltà non esitate a commentare l'articolo; prima di fare modifiche al sistema è consigliato creare un punto di ripristino. In caso di installazione di strumenti terzi prestare attenzione alle spunte ed alle installazioni supplementari superflue.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!